naturasi-negozio-apertura

NaturaSì, 30 anni di biologico. “Ortofrutta presto a quota 20%”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La catena leader nella vendita di prodotti bio e naturali è stata fra i grandi protagonisti della 29esima edizione di Sana. Quest’anno il gruppo festeggia 30 anni di successi imprenditoriali, costruiti intorno a un network qualificato di produttori, anche ortofrutticoli, che hanno fatto la storia del biologico e del biodinamico in Italia. In fiera a Bologna abbiamo intervistato il direttore generale di EcorNaturaSì Roberto Zanoni, che ci ha parlato delle performance del reparto ortofrutta, delle aperture e della nuova frontiera della spesa online. “Abbiamo un network di 150 aziende agricole e l’ortofrutta rappresenta oltre il 15% del nostro business, con l’obiettivo di arrivare a quota 20%”. L’e-commerce è un successo, sia quello a marchio NaturaSì, attivo da un anno e mezzo, sia quello su Amazon, che ha di recente ampliato l’offerta inserendo sugli scaffali virtuali anche l’ortofrutta e altri prodotti freschi

 

di Carlotta Benini (articolo completo su Fm di ottobre 2017)

 

Il reparto orotofrutta del nuovo punto vendita a Milano, in corso Cristoforo Colombo

Uno spazio aperto dove conoscere i prodotti e i cibi che rispettano l’ambiente e dove confrontarsi con esperti su stili di vita più sostenibili e salutari. Una grande agorà dal design green, dove compiere un viaggio assieme ad agricoltori, produttori e pionieri del bio, per scoprire la storia dell’agricoltura biologica e biodinamica in Italia e comprenderne il ruolo chiave per il futuro di tutta la società. NaturaSì ha festeggiato 30 anni di successi imprenditoriali alla 29esima edizione del salone Sana di Bologna. Dall’8 all’11 settembre la catena di supermercati leader nella vendita di prodotti biologici e naturali era in fiera con un maxi stand da 3.500 metri quadri al padiglione 25, dove i visitatori hanno potuto incontrare di persona le aziende in un vero e proprio mercato del bio, dove era possibile sia assaggiare che fare acquisti. Erano oltre 160 i produttori che – in concomitanza con una serie di eventi e iniziative celebrative dei 30 anni del gruppo veronese – hanno presentato al pubblico della fiera 1.500 referenze, tra ortofrutta fresca, prodotti caseari e da forno, prodotti confezionati, articoli per il benessere e la cura del corpo.

 

Abbiamo incontrato il direttore generale di EcorNaturaSì (società – lo ricordiamo – nata nel 2009 dalla fusione di Ecor, il maggior distributore all’ingrosso di prodotti biologici e biodinamici nel comparto specializzato, e NaturaSì) Roberto Zanoni, che ci ha parlato delle performance del reparto ortofrutta, delle aperture programmate e della nuova frontiera della spesa online. L’articolo completo, contenente anche la nostra intervista al presidente di EcorNaturaSì Fabio Brescacin, uscirà nel numero di ottobre di Fm.

 

Il direttore di EcorNaturaSì Roberto Zanoni nello stand al Sana (copyright: Fm)

Direttore, l’ortofrutta che percentuale rappresenta del vostro fatturato?

Attualmente la quota supera il 15% e l’obiettivo è di arrivare al 20%: una percentuale che riteniamo importante e che in alcuni punti vendita è già stata raggiunta. È fondamentale, nell’ambito del biologico, avere prodotti freschi: questo è un settore per noi particolarmente significativo, in quanto la maggior parte di questi prodotti sono di filiera. Provengono da aziende che seguiamo direttamente, dal campo alla tavola: cosa che ci rende molto tranquilli di poter garantire un’offerta sicura e di qualità.

 

Quanti sono i vostri fornitori di ortofrutta?

Abbiamo un network di 150 aziende agricole, nelle zone più vocate d’Italia. Ognuna di loro è seguita dal nostro team di agronomi, composto da 10 professionisti che lavorano al fianco dei produttori, fornendo assistenza e supporto in tutte le fasi della coltivazione.

 

Quali sono i prodotti di tendenza, nel reparto ortofrutta?

Non ci interessa, all’interno dei nostri punti vendita, investire nei prodotti ortofrutticoli “di tendenza”. L’ortofrutta biologica deve essere innanzi tutto di stagione, va gestita con attenzione in alcuni periodi dell’anno, quando i quantitativi sono più abbondanti e vanno smaltiti, per favorire i produttori. E in alcuni momenti è giusto che sia promozionata, al fine di consentire a più consumatori possibili di provare la qualità die prodotti biologici. Certo, nei nostri banchi si possono trovare anche prodotti di importazione come il mango o lo zenzero, ma non spingiamo sui prodotti esotici o di moda: non fa parte della nostra mission.

 

Un altro scatto del nuovo negozio NaturaSì inaugurato l’8 settembre a Milano

Come stanno andando le vendite su Amazon Prime Now (attivo a Milano, ndr)?

Particolarmente bene, stiamo costantemente crescendo nel numero di ordini giornalieri. Da poco abbiamo inserito anche il prodotto fresco, quindi ortofrutta, formaggi e carne: questo è stato un altro significativo salto in avanti per quanto riguarda l’interesse dei consumatori. Stiamo ragionando insieme ad Amazon per estendere il servizio anche a Roma e a Torino.

 

Pensate di investire anche su un e-commerce interno?

NaturaSì ha già l’e-commerce, da un anno e mezzo. Da gennaio 2017 il servizio è diventato totalmente nostro, perché abbiamo acquisito la partecipazione di una vetrina online che esisteva già, e che ora è mono marca. Sta crescendo anche questo canale, anche se a livello numerico possiamo parlare del fatturato di un negozio. Consegniamo in 24 ore in tutta Italia, per il momento ancora non distribuiamo i prodotti freschi ma siamo in fase di test per implementare anche questo servizio.

 

Il biomercato nel maxi stand al Sana di Bologna (copyright: Fm)

Quindi l’ortofrutta si può acquistare online solo a Milano, per ora?

Esatto, su Amazon. Ma aggiungiamo che l’e-commerce NaturaSì prevede anche l’opzione del click&collect, quindi gli utenti che ordinano la spesa online e la vanno a ritirare in negozio, possono eventualmente decidere di aggiungere al carrello anche l’ortofrutta o altri prodotti freschi acquistati in loco. Dobbiamo cercare di assecondare ogni esigenza del consumatore, ma mantenendo una sinergia fra tutti i canali di vendita, integrando il reale con il virtuale”.

 

Nuove aperture previste?

Proprio in questi giorni (venerdì 8 settembre, ndr) abbiamo inaugurato un nuovo punto vendita in una zona centrale di Milano, in corso Cristoforo Colombo, è circa il 250esimo del gruppo, fra negozi affiliati e gestione diretta. Abbiamo in previsione anche nuove aperture, ma con ritmi più contenuti rispetto agli anni scorsi. Il nostro obiettivo ora è quello di individuare delle aree dove c’è una grande passaggio, in zone qualificate delle grandi città, oppure nei piccoli centri cittadini, o ancora in spazi dove possano sorgere negozi di 4-500 metri quadri, con parcheggio e possibilità di avere anche un’area snack.

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 

 

 

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  



Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo