L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Frutta e verdura (gratis) nelle scuole: all’Italia 26,9 milioni di euro dall’Ue

            L’iniziativa, avviata nel 2009, ha l’obiettivo di rilanciare tra i bambini il consumo di prodotti ortofrutticoli, freschi e trasformati, contribuendo così alla lotta contro l’obesità infantile. All’Italia una quota importante rispetto al contributo globale europeo di 150 milioni di euro

             

            Frutta e verdura nelle scuoleL’Italia riceverà un contributo europeo di 26,9 milioni di euro per la distribuzione di frutta e verdura gratis nelle scuole nell’anno scolastico 2015-2016. Ad annunciarlo è la Commissione europea: per l’Italia, seconda beneficiaria nell’Ue dopo la Germania, si tratta di una quota importante rispetto al contributo globale europeo di 150 milioni di euro, concordato nel quadro della riforma della politica agricola comune, con un tasso di finanziamento Ue dell’80%.

             

            Frutta nelle scuole, per Altroconsumo c’è qualcosa che stona

             

            L’iniziativa che promuove la diffusione di frutta e verdura nelle scuole è stata lanciata nel 2009 con l’obiettivo di spingere il consumo tra i bambini di prodotti ortofrutticoli, freschi e trasformati, di banane e altri prodotti come succhi e spremute, per contribuire alla lotta contro l’obesità infantile e migliorare le loro abitudini alimentari. Il progetto prevede anche l’introduzione di iniziative educative e di sensibilizzazione. Il programma, a cui non partecipano solo Gran Bretagna, Svezia e Finlandia, è particolarmente importante in questo momento di crisi economica, in quanto può venire in aiuto alle famiglie.