L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Aldi riduce la plastica. “Missione Im-Ballo” per contenere i rifiuti da imballaggio

            Aldi Missione Imballo plastica ALDI, multinazionale tedesca della Gdo, conferma il suo impegno nel campo della responsabilità sociale introducendo la strategia “ALDI, Missione Im-Ballo! Ridurre. Riutilizzare. Riciclare.” per la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti da imballaggio. L’iniziativa vede il brand coinvolto in una serie di attività volte a raggiungere importanti traguardi anche nel rispetto degli obiettivi 2030 del pacchetto di misure sull’economia circolare adottato dalla Commissione Europea. Di pari passo con il piano di espansione sul territorio italiano, ALDI sta lavorando al suo programma pluriennale di Corporate Responsibility “Oggi per domani”, con l’obiettivo di adottare giorno dopo giorno buone pratiche attente a tutti gli attori con cui si relaziona.

             

            Attraverso la strategia “Missione Im-Ballo” ALDI ha dato vita a una serie di iniziative che coinvolgono, oltre ai propri collaboratori, anche fornitori, produttori e lo stesso cliente finale, per ridurre i materiali di imballaggio, riutilizzare tutti i tipi di packaging e massimizzare la riciclabilità di ogni materiale. Gli obiettivi del gruppo della Gdo si concentrano su direttrici ben precise: la prima è quella di ridurre i materiali di imballaggio. Entro il 31 dicembre 2025 il peso totale degli imballaggi di articoli private label dovrà essere ridotto, rispetto al 2018, del 25% in relazione al fatturato. Il secondo obiettivo è quello di un aumento del tasso di riciclabilità: entro il 2022 tutte le tipologie di packaging utilizzate nelle linee private label saranno riciclabili. Infine il terzo obiettivo è quello dell’eliminazione di degli articoli in plastica usa e getta: entro il 31 dicembre 2019 ALDI sostituirà tutti i prodotti in plastica usa e getta con soluzioni più sostenibili.

             

            Ai sensi delle sue linee guida per l’acquisto di legno, ALDI sta lavorando affinché entro il 31 dicembre 2020 tutte le confezioni in carta siano costituite da materiale riciclato in misura non inferiore al 70% del totale, ovvero siano certificate secondo la catena di custodia (CoC) da parte del Forest Stewardship Council (FSC) o alternativamente del Programme for the Endorsement of Forest Certification Schemes (PEFC).

             

            ALDI sta inoltre lavorando affinché per il reparto ortofrutta vengano sviluppate soluzioni ad hoc per ridurre ulteriormente l’uso di plastica nelle confezioni.

             

            “ALDI, Missione Im-Ballo! Ridurre. Riutilizzare. Riciclare.” è un ulteriore esempio dell’impegno del gruppo per offrire prodotti di qualità e allo stesso tempo sostenibili. In quest’ottica, il prodotto assume un ruolo centrale e il packaging ne diviene parte integrante. Ciò si traduce in un’attenzione responsabile nelle scelte commerciali, lavorando assiduamente sulla filiera, responsabilizzando fornitori e produttori, e sensibilizzando i consumatori, al fine di essere sempre in linea con gli standard di ALDI. L’iniziativa incarna il principio per cui, oltre la gestione virtuosa dei rifiuti, si rendono necessarie azioni programmatiche nella direzione dell’economia circolare e si inserisce nel più ampio programma che ALDI SÜD ha già avviato.

             

            Nel mese di giugno il brand ha lanciato anche “Io RICICLO!”, iniziativa di sensibilizzazione e informazione dei clienti sulla salvaguardia dell’ambiente, con lo scopo di informare sul tipo di materiale impiegato e agevolare un corretto conferimento dei rifiuti nel circuito di raccolta dei Comuni, tramite icone chiare e ben visibili sui packaging dei prodotti. Per maggiori informazioni sul tema è possibile  visitare la sezione Novità del sito www.oggiperdomani.it.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine