L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Bilancio 2013 positivo per Apofruit, bene kiwi e biologico

            Le assemblea dei soci, svoltesi in diverse regioni italiane, hanno siglato un bilancio in cui crescono il valore della produzione e le liquidazioni. Buone le performance dei prodotti invernali, l’importo pagato ai soci aumenta del 7%. Risultati significativi per il kiwi e il biologico

             

            Screen Shot 2014-06-19 at 3.19.51 PMI 3.327 soci produttori di Apofruit Italia collocati in diverse regioni ortofrutticole italiane, nel corso delle diverse assemblee territoriali svoltesi in questi giorni, hanno approvato il bilancio 2013 della cooperativa e il listino di liquidazione della frutta invernale. I dati più significativi dell’esercizio 2013 evidenziano una produzione conferita di 182.619 tonnellate ( – 7% sul 2012) per un valore della produzione di 208 milioni di euro (+ 2% sul 2012 ). La liquidazione ai produttori raggiunge gli 88 milioni di euro (+6,34% sul 2012). Il risultato di gestione vede un utile netto di 523.000 euro (era di 450.000 nel 2012).

             

            Il bilancio consolidato, invece (Apofruit consolida le società Canova e Vivitoscano, che si occupano di bio, e Mediterraneo Group, che svolge attività di trading per i partner) evidenzia un valore della produzione pari a 255,5 milioni di euro, ossia 9,7 milioni in più rispetto al 2012 (più 4%). Il patrimonio netto raggiunge i 103,2 milioni, che fa di Apofruit una struttura tra le più capitalizzate del settore.

             

            Per quanto riguarda la frutta invernale, vengono liquidate 67.039 tonnellate (- 6,3% rispetto al 2012) per un importo pagato ai soci di 33,5 milioni di euro (+ 7% sul 2012). Tra i principali prodotti oggetto di liquidazione si conferma il buon andamento delle mele di qualità, nonostante l’annata di piena produzione. Le mele appartenenti a questa categoria hanno registrato quotazioni interessanti, soprattutto per le cultivar Cripps Pink e Rosy Glow. Molto soddisfacente anche l’andamento del kiwi, che si conferma sempre più al centro delle strategie di Apofruit. In generale, la buona qualità dei kiwi ha permesso di intensificare i rapporti commerciali in oltremare.

             

            “Con questa liquidazione – commenta il presidente di Apofruit Mirco Zanotti – si chiude un anno tutto sommato positivo per Apofruit e i propri soci. Infatti, in un contesto in cui continua ad affermarsi il calo dei consumi di ortofrutta, i risultati della liquidazione dei prodotti invernali sono soddisfacenti. Ciò è stato possibile grazie ad un consolidamento della vendita sui mercati nazionali ed europei, ed un forte sviluppo dell’export”. “Dal punto di vista gestionale – dichiara il direttore generale Renzo Piraccini – si tratta di una annata discretamente positiva. Chiudiamo un bilancio in utile, come sempre, ma il nostro obiettivo non è capitalizzare ulteriormente la cooperativa ma liquidare bene i prodotti conferiti. Dal punto di vista commerciale mi paiono particolarmente significativi i risultati del kiwi, che sono anche la conseguenza dello sviluppo dell’export e delle buone performance dei prodotti biologici che, grazie alle politiche portate avanti in questi anni nel settore del bio, hanno trovato una buona valorizzazione.”