L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Ortofrutta, effetto bioshopper: crolla lo sfuso. Boom per il confezionato

            Nel primo trimestre del 2018 gli acquisti di ortofrutta sfusa registrano una flessione del 3,5% in quantità e del 7,8% in valore. Lo sottolinea un’analisi di Ismea-Nielsen, che mette in luce il peso nel carrello degli italiani dell’effetto ‘sacchetto biodegradabile’. Il report evidenzia anche un’impennata senza precedenti degli acquisti di frutta e ortaggi confezionati, che crescono dell’11% in quantità e del 6,5% come spesa. Questo nonostante i prodotti ortofrutticoli confezionati siano mediamente più cari del 43% rispetto agli sfusi

             

            Dalla Redazione

             

            bioshopper ortofrutta

            Con l’introduzione delle bioshopper a pagamento sono calati i consumi di ortofrutta sfusa

            Pesa l’effetto bioshopper nel carrello degli italiani. Nel primo trimestre dell’anno i consumi di ortofrutta sfusa  registrano infatti una flessione del 3,5% in quantità e del 7,8% in valore; tutto questo a fronte di un’impennata senza precedenti degli acquisti di prodotti freschi confezionati, che crescono dell’11% in quantità e del 6,5% come spesa. È l‘Ismea a fotografare le conseguenze dell’introduzione dell’obbligo dei sacchetti biodegradabili in Italia sulle vendite di frutta e verdura fresca tra i banchi della grande distribuzione, come riporta, fra gli altri, La Stampa.

             

            “Si tratta di numeri che rendono ipotizzabile come la reazione istintiva avversa dei consumatori – anche a seguito del forte seguito mediatico attribuito all’evento – abbia fornito un’accelerazione a un processo di sostituzione di per sé già in atto”, sottolineano i ricercatori di Ismea che, con il supporto di Nielsen, hanno analizzato i risultati del panel sui consumi domestici di 9 mila famiglie. La  novità e la vera “sorpresa” contenuta nei dati relativi al primo trimestre 2018, secondo il report, sta nella forza impressa a questa tendenza dall’entrata in vigore della nuova disposizione. Infatti, nel primo trimestre 2018 le vendite di ortofrutticoli confezionati rappresentano il 32% del totale contro il 29% del primo trimestre 2017.

             

            Questo nonostante, a parità di prodotto, i confezionati, costino mediamente il 43% in più degli sfusi. “Anche se non mancano le eccezioni – puntualizza Ismea – costituite da prodotti di calibro o qualità superiore rispetto al confezionato. È il caso, ad esempio, degli agrumi e delle patate le cui vendite di sfuso avvengono a prezzi superiori rispettivamente del 6 e del 2%. Nel caso dei pomodori, invece, il confezionato costa ben il 75% in più”.

             

            L’aumento degli acquisti ha riguardato essenzialmente gli ortaggi (+6%), le patate (+3%), la IV gamma (+3%) e gli agrumi (+6%), mentre la frutta ha registrato un calo del 10% circa. “Queste dinamiche di vendita di ortofrutticoli freschi – conclude Ismea – è avvenuto in un contesto caratterizzato dalla riduzione dei prezzi medi di tutte le principali categorie, con conseguente riduzione della spesa che, nel complesso, è scesa del 2,5% rispetto al 1° trimestre 2017”.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine