L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Zespri, ricavi oltre quota 3 miliardi di dollari nella stagione 2018/19

            Kiwi-Zespri

            I kiwi Zespri Green e i SunGold a polpa gialla

            Kiwi Zespri da record: il gruppo tocca per la prima volta i 3,14 miliardi di dollari di ricavi (+26%), derivanti dalle vendite globali di kiwi e dalla concessione di licenze. I risultati confermano la forte domanda globale: nel 2018/19 Zespri ha infatti venduto 167,2 milioni di cartoni di kiwi, con un incremento del 21% sulla stagione precedente. Zespri continua a volare nei mercati più grandi come Giappone, Cina e Spagna e cresce anche in Usa. “Il costante successo di Zespri – dichiara il presidente Bruce Cameron – è il risultato delle importanti collaborazioni che continuiamo a costruire con i nostri clienti e con tutti gli attori della filiera, ed è una conferma importante a favore della nostra strategia per commercializzare il più grande assortimento di kiwi al mondo, 12 mesi l’anno”

             

            dalla Redazione

            Kiwi-Zespri

            I kiwi Zespri Green e i SunGold a polpa gialla

            I risultati economici di Zespri toccano livelli record grazie alla crescita notevole sia in termini di volume che di valore, per tutti gli articoli commercializzati, con ricavi di esercizio derivanti dalle vendite globali di kiwi e dalla concessione di licenze che hanno superato – per la prima volta – i 3 miliardi di dollari. I risultati dimostrano la forte e costante domanda internazionale: nel 2018/19 Zespri ha infatti venduto 167,2 milioni di cartoni di kiwi, con un incremento del 21% rispetto ai 138,6 milioni di vassoi venduti nella stagione precedente. Il ricavo derivante dalle vendite globali di kiwi e dalla concessione della licenza SunGold nel complesso è aumentato del 26%, raggiungendo i 3,14 miliardi di dollari.

             

            Il totale dei pagamenti ai coltivatori neozelandesi per frutta e servizi (premi fedeltà inclusi) è cresciuto del 24% attestandosi a quota 1,82 miliardi di dollari, mentre i rendimenti medi per frutteto ai coltivatori sono aumentati del 6% toccando i 63.622 dollari per ettaro per la varietà Green Kiwifruit (varietà Hayward), del 28% a 145.991 dollari per ettaro per SunGold, del 40% a 73.350 dollari per Green Organic (bio), e del 14% a 44.549 dollari per ettaro per Sweet Green. Il presidente di Zespri Bruce Cameron ha sottolineato che i coltivatori e le loro comunità stanno beneficiando della crescente domanda di kiwi Zespri e della crescita del settore per stimolare e soddisfare tale domanda.

             

            “I consumatori di tutto il mondo ricercano prodotti sempre più sani, e vogliono sempre più il nostro kiwi, perché sanno che si tratta di un modo perfetto per nutrirsi al meglio ogni giorno, e perché ha un ottimo sapore. Tutto questo – ha precisato Cameron – spiega i maggiori volumi di kiwi Zespri venduti la scorsa stagione, che hanno portato a profitti medi per ettaro da record per entrambe le categorie. Nello specifico, mentre la varietà SunGold ha raggiunto livelli record di ricavi per cartone, i ricavi della varietà Green per vassoio sono leggermente diminuiti a causa di volumi superiori al previsto, il che ha portato ad una finestra di vendita più ampia, con conseguente aumento dei costi per mantenerne la qualità”. 

             

            “La crescita sostenuta del settore è davvero incoraggiante e l’aumento dei ricavi medi aiuta i coltivatori a far fronte ai crescenti costi operativi, compreso il costo di manodopera. Il costante successo di Zespri – ha spiegato Cameron – è il risultato delle importanti collaborazioni che continuiamo a costruire con i nostri clienti, distributori, operatori post-raccolta e coltivatori, ed è una conferma importante a favore della nostra strategia di fornitura su dodici mesi, e della nostra ambizione di commercializzare il più grande assortimento di kiwi al mondo, per tutto l’anno”. 

             

            Per quanto riguarda le performance dell’azienda, sono notevoli i ricavi derivanti da licenze e royalties sulle varietà. L’utile di Zespri al netto delle imposte è salito a 179,8 milioni di dollari dai 101,8 milioni di dollari del 2017/18, rispecchiando i forti risultati della stagione. I profitti sono stati ampiamente sostenuti dalle entrate derivanti dal programma di concessioni di licenze SunGold in corso, e dall’aumento delle entrate derivanti dalle royalties sulle nuove cultivar. Il ricavo lordo di 192,6 milioni di dollari è frutto della concessione di licenze SunGold nel 2018/19: il ciclo 2018/19 è parte di un programma quinquennale di concessioni annuali ai coltivatori neozelandesi (sottoposte a revisione annuale) per 700 ettari di SunGold da agricoltura convenzionale, e per 50 ettari di SunGold biologico. 

             

            I coltivatori autorizzati versano a Zespri una royalty del 3%, che viene poi suddivisa tra Zespri e Plant & Food Research. La quota di royalties di Zespri ha raggiunto i 28,4 milioni di dollari, con un aumento del 37% rispetto all’anno precedente, dato che riflette i maggiori volumi e il valore delle vendite della stagione. Si prevede che il dividendo totale per azione nell’anno finanziario 2018/19 sarà di 0,92 dollari contro gli 0,50 dollari nel 2017/18. Questi dati sui dividendi tengono conto degli effetti dell’emissione/acquisto di azioni mirate e delle operazioni di frazionamento di tre per due azioni nel corso dell’esercizio finanziario, volte ad allineare meglio la proprietà delle azioni con i coltivatori di Zespri.

             

            Per quanto riguarda le prospettive per il 2019/20, Dan Mathieson, ceo di Zespri, ha affermato che è stato un altro anno in forte crescita per Zespri e per il settore del kiwi neozelandese, con forti previsioni di crescita anche quest’anno. “Siamo molto soddisfatti dei grandi passi avanti fatti nella stagione 2018/19, ma come sempre puntiamo a fare sempre meglio, fornendo ai consumatori il miglior kiwi al mondo, e creando più valore per i nostri coltivatori e per tutti i nostri partner. La nostra ambizione – sottolinea – è quella di contribuire a creare maggiore valore attraverso la crescita di nuovi mercati e aumentare la nostra penetrazione in quelli esistenti. Continuiamo a riscontrare una crescita notevole nei nostri mercati più grandi, compresi Giappone, Cina e Spagna, ma stiamo facendo importanti progressi anche in quelli più recenti, come gli Stati Uniti”.

             

            “Stiamo anche ampliando i nostri canali di vendita avvicinandoci ai consumatori, che ci possono aiutare a capire cosa vogliono e cosa possiamo fare meglio. Ma – ha sottolineato Mathieson – ci stiamo concentrando anche sulla riduzione del nostro impatto ambientale e sociale, che è una parte importante della strategia del nostro brand. Siamo orgogliosi delle nostre performance e siamo entusiasti delle nostre prospettive, ma – ha concluso – sappiamo che possiamo fare di più, ed è per questo che lavoreremo sodo per fare ancora meglio l’anno prossimo”. 

             

            Copyright: Fruitbook Magazine