L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA
                      L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO
                      L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA

                      È finalmente arrivata la stagione della raccolta dei mirtilli, anche da Agricola delle Meraviglie di Steflor a Vimodrone (Via Pio la Torre 9). 

                      Il 15 giugno riaprirà il campo Lillo il Mirtillo, che da quest’anno diventa u-pick: sarà quindi possibile immergersi nella natura e raccogliere i frutti direttamente dalla pianta, da gustare poi a casa propria. 

                      Le persone, all’ingresso (presso il Garden) e dopo l’acquisto dell’Agripass, riceveranno il cestino per la raccolta. All’uscita i mirtilli verranno pesati e confezionati, pagando il proprio raccolto. Un’esperienza unica, piacevole e rilassante, da fare con tutta la famiglia e anche con i più piccoli.

                      Sono diverse le soluzioni e le esprienze possibili, da poter fare tutti i sabato e tutte le domeniche a partire da sabato 15 giugno. Sarà possibile prenotare la propria esperienza e prendere nota dei costi a questo link .

                      L’Agricola delle Meraviglie nasce dall’esperienza maturata in decenni da Steflor, azienda leader nel settore vivaistico.

                      La valorizzazione del territorio, il “chilometro zero”, il rispetto per la stagionalità, la cultura della biodiversità sono i valori alla base dell’azienda che si impegna costantemente nel diffonderli e tramandarli soprattutto alle nuove generazioni attraverso progetti didattici studiati ad hoc per le scuole di ogni ordine e grado.

                      I campi sono aperti anche alle famiglie che decidono di investire il proprio tempo libero nella scoperta della natura e dei suoi prodotti.

                      La visita all’Agricola delle Meraviglie coinvolge tutti i sensi: la vista, innanzitutto, con i colori che caratterizzano ogni stagione; il tatto, perché è possibile raccogliere da soli i frutti della terra; l’olfatto che si inebria dei profumi di fiori e frutti, il gusto che entra in gioco al momento dell’assaggio delle prelibatezze prodotte in azienda; e anche l’udito che permette di ascoltare la pace intervallata dal ritmo incessante di lavoro delle api.

                      Copyright: Fruitbook Magazine