L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA
                      L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO
                      L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA

                      Al via la stagione di Crimson Snow: con 24 mila tons raddoppia il raccolto

                      Crimson Snow

                      Al via la nuova stagione della mela Crimson Snow all’insegna della qualità e sostenibilità, con un layout tutto nuovo. Dopo una stagione chiusa per la prima volta a cinque cifre con 12.000 tonnellate vendute in Europa, nel 2020 il club europeo Crimson Snow raddoppia i volumi raccolti, portandosi a 24.000 tons, ma soprattutto aumenta l’impegno profuso per la qualità, lavorando ancor di più sui temi sostenibilità e presentazione, a vantaggio sia dei produttori che dei consumatori.

                      I partner europei stanno ultimando la raccolta in questi giorni, con ottima qualità riscontrata ovunque: in Svizzera presso Iseppi, in Francia da Mesfruits ed in Serbia da Verda Vivo / Agrounija. Per l’Italia, i partner sono Rivoira e Sanifrutta, VOG, F.lli Clementi e, per il biodinamico, Bio Meran, in Alto Adige.

                      Crimson Snow

                      Il color chart per aiutare a identificare le mele che possono fruire del marchio Crimson Snow

                      “È essenziale per noi raccogliere mele bellissime e di qualità interna ottima con croccantezza, zuccheri ed aromi giusti – spiega Luis Clementi, tecnico dell’omonima azienda F.lli Clementi -. Ecco perché prendiamo per mano i nostri produttori, li motiviamo a seguire le nostre esperienze e a fare di loro i nostri #HappyGrower. In campo, ritardiamo la raccolta a novembre, per aspettare che l´aroma sia perfetto giá sulla pianta e le mele giá pronte per le vendite”.

                      “Siamo già partiti a fornire Esselunga, il nostro cliente italiano più importante – spiega Marco Rivoira dell´omonima ditta -. Ad Esselunga piace la mela, bella e buona, con ottimo shelf-life e poco sensibile ad ammaccature, dunque molto maneggevole sul punto vendita. Inoltre apprezza la lunghissima conservazione, che rende possibile averla nei negozi praticamente 12 mesi su 12, rendendo superfluo l’import dall’emisfero Sud. Tutto ciò rende Crimson Snow un marchio molto sostenibile. Essendo gran parte delle mele Snow, come ci piace chiamarle, prodotte in Italia, le distanze fino ai punti vendita sono molto ridotte”.

                      “Sostenibilità – aggiunge Jürgen Braun della Kiku srl, detentrice della licenza globale – per noi significa ancora di più: da sempre motiviamo i nostri partner a curare le risorse naturali ed umane. La varietà mc38 è molto robusta, non soggetta ad alternanza e permette una produzione molto responsabile. Inoltre abbiamo creato un packaging nuovo come layout, ma soprattutto senza film plastici, solo carta e cartone per i sovraimballi bio-degradabile al 100%, rispondendo così alle più recenti richieste provenienti dall’Ue e dalle persone di ridurre gli imballi in plastica. Abbiamo colto il momento per dare alla nostra immagine un tocco ancora più accattivante, facendo risaltare anche sulla confezione il contrasto tra il rosso della buccia e il bianco neve della polpa”.

                      Crimson Snow

                       

                      “Per noi del VOG – prosegue Klaus Hölzl, responsabile vendite VOG – sarà la prima stagione con un volume importante, ma l’entrata nel club è agevole. Gli altri partner hanno già costruito tanto durante gli ultimi anni, ora si tratta di fare tesoro delle esperienze e di continuare nei mercati Germania, Italia e Spagna, ma aprendone pure di nuovi. Il club ci piace, ci sono partner importanti, il programma europeo di 700 ettari è quasi completo e dunque il club avrà un peso importante in Europa. La mela piace tanto alla GDO, il consumatore è molto soddisfatto, il posizionamento molto chiaro. Questa mela farà strada”

                      “Il consumatore è affascinato dalla mela – conclude Jürgen Braun -. Nelle degustazioni fatte superiamo il 90% di volontà di acquisto, da nord a sud Europa senza distinzioni. A livello B2C, intensifichiamo le nostra attività sui socials (Instagram, Facebook, Youtube) ed al punto vendita. All’Interpoma di Bolzano avremmo voluto presentare tutte le novità intorno alla SNOW, è un peccato non poterlo fare fisicamente. Dunque, ci siamo inventati la ‘nostra fiera’, uno stand in 3D sul sito www.KIKUapplesFair.com. Con i partner mondiali e con interessanti nuovi contatti passeggiamo sul nostro stand e con foto e clip mostriamo le novità. Una soluzione molto ben accettata da tutti, tanto che sicuramente la proporremo anche nei prossimi mesi senza fiere”.

                      Copyright: Fruitbook Magazine