L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            ALDI in tv e sul web con la nuova campagna “Chiedi a chi l’ha provato”

            ALDI-campagna

            La nuova campagna pubblicitaria di ALDI

            ALDI, la multinazionale tedesca attiva nella Gdo, arriva in Tv con la campagna nata sul web “Chiedi a chi l’ha provato”, in cui il brand ha giocato sull’omonimia con alcune famiglie italiane – che di cognome si chiamano proprio Aldi – per raccontare l’autenticità e la trasparenza del brand.

             

            Le Famiglie ALDI, diventate ormai delle vere e proprie star del mondo social, raccontano la nuova idea di spesa della catena attraverso spot che a partire dallo scorso 27 maggio vanno in onda sulle principali reti generaliste in chiaro.

             

            Dopo il grande successo ottenuto dai video della campagna “Le Famiglie ALDI” sui social, che ha superato il traguardo di oltre 5 milioni di visualizzazioni tra Facebook e YouTube, la nota catena di supermercati tedesca ha deciso di debuttare in Tv insieme a Max, Lino e Vincenzo Aldi, entrando nelle case degli italiani con l’obiettivo di promuovere prodotti che uniscono qualità e convenienza.

             

            Nelle prossime settimane, i canali televisivi in chiaro trasmetteranno la nuova idea di spesa di ALDI, raccontata attraverso l’autenticità e spontaneità dei propri ambassador. Al centro degli spot, le storie e le opinioni di Max Aldi, di Baricella in provincia di Bologna, Lino Aldi e la moglie Giulia, coppia di pensionati di Settimo Milanese, e Vincenzo Aldi, professionista single che vive e lavora a Milano, che hanno accolto nelle loro case la troupe addetta alle riprese. 

             

            In sinergia con la presenza in Tv, dove la campagna prevede spot e brand video di diverso taglio, ALDI ha rafforzato la propria presenza sulle piattaforme online attraverso una campagna video web, in cui sarà utilizzato lo spot da 15”. È possibile seguire “Le Famiglie ALDI”, sul sito ufficiale aldi.it, oppure sui canali social Facebook e YouTube

             

             

            Copyright: Fruitbook Magazine