L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA
                      L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO
                      L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA

                      Avocado mania: il 69% degli europei considera healthy questo frutto

                      Il 69% degli europei considera l’avocado un alimento base per una dieta equilibrata e il consumo medio settimanale equivale a quasi un frutto a settimana, trainato dalle scelte dei Millennials dei Centennials, i primi fan di questo frutto: a dirlo è l’ultimo sondaggio commissionato dalla World Avocado Organization (WAO), che svela anche informazioni interessanti sulle abitudini alimentari dei consumatori del Vecchio Continente

                      Dalla Redazione

                      avocado

                      Gusto o salute? Cosa conta di più per gli europei quando si tratta di scelte alimentari? Secondo l’ultimo sondaggio commissionato dalla World Avocado Organization (WAO), il gusto è al primo posto per quattro intervistati su dieci, seguito a ruota dagli aspetti salutistici. L’avocado possiede entrambi i requisiti, “taste” ed “healthiness”, per questo è sempre più popolare nelle scelte di consumo: il 69% degli europei lo considera infatti un alimento base per una dieta equilibrata. Si diffonde quindi l’avocado mania nel Vecchio Continente, stando ai dati emersi dalla survey della WAO, che riguarda nello specifico cinque paesi europei – Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Spagna – e che, oltre ai trend di consumo di questo frutto, svela anche interessanti informazioni sulle scelte alimentari e gli stili di vita.

                      I giovani sono i primi fan dell’avocado

                      L’avocado è considerato come una potenza in termini nutrizionali e gode di una popolarità diffusa, in particolare tra spagnoli e francesi. In media in tutti i Paesi il sondaggio rivela un consumo medio di quasi un avocado (0,8) a settimana, con particolare riferimento ai target dei più giovani. Sono infatti i Centennials e i Millennials i primi fan dell’avocado: consumano circa 1,2 frutti a settimana. In Italia, il 32% degli intervistati mangia meno di un avocado a settimana ed il 23% ne mangia 1-2 a settimana, con una media di 0,7 avocado a settimana.

                      “Non sorprende che gli avocado siano così popolari, soprattutto tra le generazioni più giovani, poiché offrono sia ottimo gusto che fantastici benefici per la salute – osserva Zac Bard, presidente della World Avocado Organization -. Anche se il 70% degli europei ritiene che l’avocado sia un alimento base per una dieta equilibrata, il 30% dei consumatori non sa ancora quanto è salutare questo frutto e il 29% afferma di non mangiarlo mai. Quindi abbiamo ancora del lavoro da fare per educare i consumatori”.

                      L’Avo-enigma

                       Nonostante la popolarità dell’avocado, il sondaggio ha portato anche alla luce un equivoco sorprendente. Quasi 4 intervistati su 10 non sanno che l’avocado è davvero un frutto. Inoltre, una maggioranza significativa (54%) non sa come cresce: il 13% degli intervistati, nello specifico, pensa che cresca in cespugli, o in gusci come le noci (9%), o anche nel sottosuolo come le patate (7%). L’Italia è il Paese europeo in cui le persone hanno maggiore consapevolezza su questo prodotto: il 70% dei consumatori sa che è un frutto (70%). Emerge inoltre che le generazioni più anziane tendono a conoscere le informazioni in modo più corretto delle giovani generazioni, nonostante i membri della Gen Z e i Millennials si concedano regolarmente più avocado.

                      avocado

                      Avocado: fresco o cotto?

                       Quasi il 70% dei partecipanti ha riferito che il modo preferito di mangiare un avocado è freddo, e alcuni addirittura direttamente dalla buccia (quasi il 30%). Tuttavia c’è un trend emergente che vede gli avocado come ingredienti perfetti per una grigliata: il 12% degli intervistati, infatti, dichiara di amare questo frutto cotto al barbecue. Un vero must per alcuni.

                      Scelte di consumo e stili di vita

                      I risultati del sondaggio realizzato dalla WAO sottolineano l’importanza che le persone attualmente attribuiscono a un’alimentazione sana, fondamentale per il 97% degli intervistati. Italiani e spagnoli sono in cima alla classifica, con il 99% delle preferenze in entrambi i casi. Al contrario i tedeschi mostrano una preoccupazione minore per ciò che mettono nel piatto, con il 5% dei consumatori che non attribuisce alcuna importanza a una dieta sana.

                      Un trend interessante emerso dal sondaggio è la popolarità delle diete a basso contenuto di carne o senza carne, con quasi un quarto degli intervistati che riferiscono di non mangiare carne regolarmente e di optare invece per alternative a base vegetale. Il flexitarianismo in particolare è lo stile di vita emergente, abbracciato dal 15% degli intervistati. Quelli più propensi a mantenere la carne come parte della propria dieta sono spagnoli (81%) e italiani (80%), mentre il Regno Unito (75%) e la Germania (70%) sono quelli che segnalano il minor consumo di carne nella propria dieta.

                      Gli italiani preferiscono il cibo healthy

                       Il gusto regna sovrano quando si tratta di ciò che gli europei scelgono di mettere nel piatto. Quasi quattro intervistati su dieci (38%) hanno infatti sottolineato che il “taste” è il fattore più importante nelle proprie scelte alimentari. Il salutismo si colloca al secondo posto, con il 28% delle persone che la considerano il fattore più importante. Tuttavia, le differenze fra paese e paese sono evidenti: il gusto del cibo è più importante della sua salubrità in Francia (47%) e nel Regno Unito (45%), mentre l’Italia e la Spagna propendono di più per un’alimentazione sana, rispettivamente con il 43% e il 38% delle preferenze. Il costo è il terzo fattore più importante (13%), anche se è un fattore relativamente più importante nel Regno Unito (18%).

                      “È impressionante vedere che la stragrande maggioranza degli europei è ora alla ricerca di una dieta più sana e di scelte alimentari più salutari come le proteine vegetali o non animali – conclude il presidente della WAO Zac Bard -. Gli avocado sono una grande fonte di nutrienti, grassi monoinsaturi, fibre e proteine, e sono notevolmente poveri di zucchero, sale e grassi malsani. Sono il sostituto perfetto per le opzioni meno salutari per chiunque desideri adottare uno stile di vita più sano”.

                      Copyright: Fruitbook Magazine