Simon Ruatti contadino Bio Val Venosta

Bio Val Venosta, storytelling nel punto vendita per “raccontare” il bio


Val Venosta

Il contadino Bio Val Venosta Simon Ruatti all’interno di un punto vendita selezionato

 Si fa presto a dire Bio… Ma cosa vuol dire produrre in metodo biologico? Per orientare il consumatore nella scelta, scende in campo BioGraphy, il progetto di VI.P – Mela Val Venosta, creato per fornire un’informazione corretta e trasparente della produzione melicola biologica venostana: un collegamento diretto dall’etichetta, che riporta il nome del produttore bio Val Venosta, al portale biography.vip.coop, per trasmettere al consumatore i valori di rintracciabilità, certezza della provenienza e sicurezza attraverso una ricca selezione di immagini emozionali, video e testimonianze sulla coltivazione e i lavori effettuati nei meleti biologici.

 

Insomma, un modo per raccontare la filiera della mela, dalla coltivazione alla vendita, step by step. In modo chiaro e trasparente. Una garanzia di qualità a 360 gradi. Ma non è tutto. BioGraphy va oltre, proprio per mettersi al fianco del consumatore nel momento clou dell’acquisto: porta il contadino e la sua famiglia sul punto vendita. Infatti, cosa c’è di meglio per chi compra del contatto diretto con chi coltiva, giorno dopo giorno il prodotto? Ecco quindi che nei weekend delle scorse settimane, alcuni punti vendita selezionati specializzati Bio hanno avuto l’opportunità di avere all’interno dell’area ortofrutta degli assistenti alle vendite del tutto inaspettati.

 

Val Venosta

“Chi meglio del contadino – afferma Benjamin Laimer, referente marketing Mela Val Venosta – può trasmettere i segreti della produzione biologica? Il consumatore – spiega – ascolta con interesse i racconti dell’agricoltore che, con passione, descrive le tecniche di produzione, la cura del meleto, il rispetto della natura, e conosce perfettamente ogni singola varietà di mela, in modo da consigliare il tipo di mela più adatto ai gusti e alle necessità del consumatore”. 

 

“È un supporto alle vendite speciale, in grado di trasmettere con semplicità e chiarezza tutto il know-how e le curiosità di un lavoro portato avanti con passione e cura ogni giorno. Proprio dalla terra alla tavola. Quando il contadino entra nel punto vendita – conclude Laimer – il Progetto BioGraphy si arricchisce di uno storytelling con una forza eccezionale”. Questa attività è parte integrante del progetto che è in continua evoluzione e vuole avvicinare il mondo della produzione biologica venostana al consumatore in maniera trasparente e diretta, rafforzando il rapporto di fiducia a garanzia di un prodotto d’eccellenza e di qualità superiore. 

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo