Interspar-Lacerenza-cipolla-bianca-margherita

Cipolla Bianca di Margherita IGP protagonista da Despar Nordest


Si conferma il legame tra Aspiag Service e le eccellenze territoriali italiane. Venerdì 8 giugno nell’Interspar di Albignasego (Padova) l’intera giornata è stata dedicata alla scoperta della Cipolla Bianca di Margherita IGP, con la degustazione di molti piatti preparati dallo chef pugliese Lello Lacerenza. Presente anche il presidente del Consorzio per la valorizzazione e tutela, Giuseppe Castiglione: “Non è solo succulente e croccante, grazie all’alto contenuto di zuccheri è a tutti gli effetti di una cipolla dolce, raccolta sulla costa est della Puglia e disponibile fino a settembre. Il prodotto certificato IGP in questi anni sta crescendo a ritmi del 30% grazie alle richieste della GDO”

 

Dalla Redazione

 

Cipolla-bianca-margherita-igp-fm

Una delle ricette distribuite nel corso della giornata (Copyright: Fm)

È considerata un’eccellenza dell’agroalimentare italiano e si sta facendo strada nei gruppi distributivi italiani a soli due anni dal riconoscimento dell’Indicazione Geografica Protetta. È la cipolla bianca di Margherita, prodotta sulla costa Nordest della Puglia, ai piedi del Gargano, tra il mar Adriatico e le Saline di Margherita di Savoia, nei territori di Margherita di Savoia (Barletta, Andria, Trani), Zapponeta e Manfredonia (Foggia), su una superficie di circa 200 ettari. Si tratta di un prodotto fresco, caratterizzato da bulbo bianco e tenero, con alto contenuto di zuccheri. La raccolta avviene tra aprile e luglio, praticamente in assenza di altre cipolle italiane, la disponibilità arriva a settembre, con forme che a seconda del periodo di raccolta vanno dal piatto al tondo. Il gusto è dolce, succulento e croccante.

 

Cipolla Bianca di Margherita Interspar

Lo chef pugliese Lacerenza all’Interspar di Albignasego (Copyright: Fm)

Tra i primi a credere in questo prodotto di nicchia è stata Aspiag Service – concessionaria dei marchi Despar, Eurospar e Interspar per l’area del Nordest – che già alcuni fa ha inserito la Cipolla Bianca di Margherita IGP nel suo assortimento, organizzando anche eventi dedicati per far conoscere e apprezzare questo prodotto ai clienti. L’ultimo è stato venerdì 8 giugno all’Interspar di Aldignasego (Padova), dove Lello Lacerenza, chef dell’Antica Cucina di Barletta ha intrattenuto i clienti nel corso della giornata con tanti piatti e stuzzichini preparati con questo straordinario ingrediente, raccontando con simpatia il territorio di provenienza e le proprietà di questa cipolla: nel bulbo sono presenti vitamine, sali minerali, glucosidi solforati e altri oligoelementi con effetti positivi su molte patologie.

 

Cipolla Bianca di Margherita piatti

Alcuni dei piatti e stuzzichini serviti nell’Interspar di Albignasego (Pd)

Hanno dato supporto all’iniziativa, organizzata dalla category manager Aspiag Service Tatiana Pin, anche alcuni membri del Consorzio di Valorizzazione e Tutela della Cipolla Bianca di Margherita Igp nonché il presidente Giuseppe Castiglione. Il consorzio associa 20 aziende di produzione, quattro delle quali svolgono anche la commercializzazione. “La nostra cipolla – ha spiegato Giuseppe Castiglione – viene prodotta non nel terreno, come di consueto accade, ma nelle sabbie del mare Adriatico. I numeri del 2017 sono stati incoraggianti, arrivando a 22 mila quintali di prodotto certificato venduto, il 30% in più del 2016. L’obiettivo per quest’anno è di mantenere questa percentuale di crescita, favorita dalla richiesta crescente da parte dei gruppi distributivi italiani, principali destinatari del prodotto IGP”.

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo