L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Dal 1 gennaio Tesco Nurture sostituito con un nuovo modulo Global Gap

            Cambiamenti in vista per i fornitori del gruppo leader della grande distribuzione in Gran Bretagna. Nell’ottica di una razionalizzazione dei costi per le aziende e i produttori, Tesco si è impegnato a collaborare con la società licenziataria della certificazione Global Gap – protocollo ampiamente diffuso in ortofrutta – per sviluppare un nuovo modulo che garantisca sicurezza, qualità e sostenibilità degli alimenti

             

            Dalla Redazione

             

            index_pic

            Dal 1 gennaio la certificazione Tesco Nurture viene sostituita con un nuovo modulo di Global Gap

            Fin dal 1992 era uno standard privato legato al gruppo leader della grande distribuzione in Gran Bretagna. La sua funzione, in sostanza, era quella di definire buone pratiche agricole, integrate con alcune caratteristiche peculiari stabilite dalla rete distributiva, per garantire qualità, igiene e sicurezza dei prodotti ortofrutticoli e degli alimenti in genere, e produzioni etiche e sostenibili. Dal 1 gennaio la certificazione Tesco Nurture, richiesta a tutte le aziende fornitrici dell’insegna britannica, viene sostituita con un nuovo modulo di Global Gap. Si tratta di un cambiamento sostanziale per i produttori, che ora non dovranno più sostenere i costi di una certificazione extra, specifica solo per Tesco, ma potranno uniformare il proprio sistema di sicurezza e qualità delle produzioni facendo riferimento a un ente certificatore unico.

             

            Global Gap infatti è un protocollo ampiamente diffuso per lo sviluppo delle migliori tecniche per la produzione di prodotti ortofrutticoli. Questo standard è stato definito dall’EUREP (Euro-Retailer Produce Working Group), organismo che riunisce alcune tre le più importanti catene commerciali europee al fine di rispondere alle crescenti esigenze di sicurezza alimentare e di rispetto dell’ambiente. Il protocollo prevede la gestione di requisiti relativi a: rintracciabilità, aspetti ambientali, prodotto (tecniche di coltivazione), salute e sicurezza dei lavoratori, gestione aziendale.

             

            tesco1

            Tesco svilupperà con Global Gap un nuovo modulo a garanzia di sicurezza e qualità dei prodotti

            A partire dal 2017, quindi, le aziende che lavorano con Tesco già certificate Global Gap potranno fare riferimento a un ente certificatore unico. Dal punto di vista tecnico, e dei requisiti necessari a soddisfare gli standard di sicurezza e qualità richiesti dal gruppo distributivo britannico, non dovrebbe cambiare molto. Cambiano le modalità di certificazione, e probabilmente anche i costi per le aziende, che – si prevede – dovrebbero essere ottimizzati.

             

            Nei prossimi mesi saranno definite meglio tutte le pratiche per effettuare la conversione da uno standard all’altro.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine