L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA
                      L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO
                      L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA

                      Dole, con le produzioni italiane l’offerta di agrumi è per 12 mesi l’anno

                      Daniele D'Antrassi_Product Manager Citrus Dole

                      Daniele D'Antrassi, product manager citrus di Dole Italia

                       

                      Daniele D'Antrassi_Product Manager Citrus Dole

                      Daniele D’Antrassi, product manager citrus di Dole Italia

                      Dole Italia, leader nella produzione e distribuzione di frutta fresca di qualità premium, ha registrato, nel corso dell’ultimo anno, un aumento significativo dei volumi nel mercato degli agrumi, grazie a un progetto che assicura un’offerta agrumicola continua 12 mesi all’anno e un ampliamento della gamma dei prodotti. Perseguendo il potenziamento di nuove aree geografiche di approvvigionamento, l’azienda a partire dalla prossima campagna nazionale introdurrà una filiera italiana per limoni, arance e pompelmi a marchio Dole, colmando in questo modo la lacuna stagionale da ottobre a febbraio.

                      Dole Italia importa annualmente arance dall’Egitto e la crescita costante e continuativa dei volumi, addirittura raddoppiati negli ultimi 12 mesi rispetto all’anno precedente, l’ha portata a diventare uno dei principali importatori di agrumi egiziani in Italia. A giugno è partita la campagna sudafricana, con una contrazione dei volumi per la varietà di arance Navel, a causa della minore produzione, compensata dall’aumento della varietà Valencia e dall’integrazione dell’offerta con nuove origini provenienti dall’Emisfero Sud, attraverso le varietà Salustiana e Valencia.

                      La proposta agrumicola dell’azienda, volta a soddisfare la crescente domanda dei consumatori di frutta fresca e di qualità eccellente, contempla anche limoni, pompelmi, mandarini e pomelo, ultimo introdotto nell’assortimento che ha registrato un buon riscontro da parte della Gdo.

                      Recentemente ha preso avvio la campagna limoni dal Sudafrica e dall’Argentina, con un crescente impegno verso il chemical free, soprattutto per soddisfare l’offerta destinata alla Gdo, e con una stima di aumento del volume finale del 30% rispetto all’anno precedente.
                      Anche l’interesse per i mandarini tardivi varietà Orri e Nadorcott nel mercato italiano è in aumento, con un trend positivo di consumo registrato soprattutto tra i più giovani, che apprezzano la praticità e i benefici di questo frutto.

                      “Nel corso dell’ultimo anno, le performance nel settore sono state per noi molto positive”, afferma Daniele D’Antrassi, product manager Citrus di Dole Italia. “Il nostro obiettivo è consolidare la leadership nel mercato degli agrumi, ampliando le filiere di prodotto a marchio Dole. Lavoriamo con dedizione garantendo a tutti i nostri clienti elevato servizio e qualità premium, indipendentemente dall’origine del prodotto. Ciò è possibile grazie a rigorosi controlli uniformi in tutto il mondo e lungo tutta la supply chain, e che includono le pratiche di produzione e la supervisione della categoria”.

                      Dole Italia è la divisione italiana di Dole Food Company Inc., uno dei maggiori produttori e distributori al mondo di frutta e verdura fresche di alta qualità. La storia di Dole inizia nel 1851 e prosegue agli inizi del Novecento con James Drummond Dole che, sulla promessa “Qualità, qualità e ancora qualità”, fondò la Hawaiian Pineapple Company, dedita alla coltivazione degli ananas. Da allora quotidianamente Dole rinnova ai propri consumatori quella promessa, che le ha permesso di divenire leader di settore su molti mercati e partner di riferimento nell’educazione nutrizionale.

                      Copyright: Fruitbook Magazine