L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Focus sulla private label a Marca. “Un settore dal 10 miliardi e 200 mila addetti”

            Torna a BolognaFiere la due giorni dedicata ai prodotti a Marca del Distributore (MDD), organizzata in collaborazione con ADM. Una fiera di riferimento in Europa (è la seconda manifestazione del settore per importanza), che dà appuntamento a una 14esima edizione ancora più ampia (due padiglioni in più) e di respiro internazionale. Presenti a Marca tutte le principali insegne della Gdo italiana e anche estera. Un quarantina, in tutto, le aziende del settore ortofrutticolo presenti, fra cui realtà leader della quarta gamma, dei piatti pronti e dei prodotti veggie. Fra le aziende di packaging e logistica figura anche LPR

             

            Dalla Redazione

             

            Lo stand di Coop all’edizione 2017 di Marca (credits: marcabybolognafiere)

            Il mondo della Distribuzione Moderna Organizzata si riunisce in fiera a Marca, a Bologna, che dà appuntamento ai visitatori mercoledì 17 e giovedì 18 gennaio con una 14esima edizione ampliata (sono due i padiglioni espositivi in più) e ancora più prestigiosa. Il salone internazionale dedicato ai prodotti a Marca del Distributore (MDD), organizzato da BolognaFiere, in collaborazione con ADM (Associazione Distribuzione Moderna), si conferma una manifestazione di respiro internazionale, seconda fiera del comparto in Europa per importanza.

             

            Vero e proprio punto di riferimento per la business community dei prodotti private label, Marca coinvolge insegne della Gdo italiana e anche internazionale, con importanti nuovi ingressi: sono quattro, infatti, i nuovi soci che fanno parte del comitato tecnico scientifico, costituito dalle più importanti Insegne della DMO. Si tratta di Pam, Rewe Group, Consorzio C3 e Leader Price Italia.
            A Marca crescono anche le presenze degli operatori esteri, con un’importante rappresentanza di category manager del mondo retail. Un risultato reso possibile anche grazie al supporto di coinvolgimento di ICE dei VIP buyer provenienti da tutto il mondo e di networking tra imprese italiane e operatori esteri, in arrivo in particolare dai Paesi europei, da Usa e dalla Cina.

             

            La private label di Conad (credits: marcabybolognafiere)

            Non manca, fra i padiglioni, uno spazio dedicato all’ortofrutta: partecipano infatti alla due giorni bolognese alcune aziende italiane leader del settore della quarta gamma, dei piatti pronti e dei prodotti veggie come La Linea Verde DimmidiSì, Zerbinati, Pedon, COF Ortomania, Valbona, Natura Nuova, F.lli Saclà, Naturello, Fruttagel, Kioene, Conserve Italia.

             

            Sfogliando il catalogo degli espositori, sotto la categoria frutta e verdura (frutta fresca, ortaggi, frutta secca, legumi, funghi, patate, spezie erbe e piante officinali, quarta gamma, quinta gamma le sottocategorie) compaiono anche altre aziende italiane: Bosco Mar, Belgravia, Il Buon Gusto Italiano-Rete di Imprese, Consorzio produttori Aglio di Voghiera, Abramo Bruzzone, Ciavolino Roma Internstional, Lyo Italia, Perrotta Gigliola, Sinisi, Stella Foods, Terra e Sole, Vincenzo Caputo, Fertitecnica Colfiorito, La Collina Toscana, COF, Ficacci Olive Company, O.P. Sole e Rugiada, Salviani, Industrie Rolli Alimentari, Facino, Dirafrost, Agrifood Abruzzo, Modena Funghi. Ci sono anche quattro aziende europee nell’elenco: Clarebout Potatoes (Belgio), Uhtco Corporation (Austria), Moy Parks (Francia), Congelats Olot (Spagna).

             

            Fra le aziende di packaging e logistica si conta anche una realtà leader come LPR-La Palette Rouge.

             

            La due giorni fieristica offre convegni di scenario e workshop specialistici sui temi di maggiore attualità del comparto. Ad inaugurare questa 14esima edizione sarà il convegno di apertura a cura di ADM sul tema “La Marca del Distributore: Il valore e il ruolo per il sistema-Paese” (17 gennaio, ore 10), che quest’anno si presenta con una nuova veste grazie alla collaborazione con il prestigioso The European House – Ambrosetti. Obiettivo dell’incontro sarà porre in evidenza il ruolo della MDD come elemento strategico per la Gdo e importante driver di innovazione e sviluppo all’interno della filiera per i consumatori e per l’intera economia e società.

             

            “Da sempre il settore della Distribuzione Moderna Organizzata agisce, e lo ha fatto anche negli anni più critici, a tutela del potere d’acquisto delle famiglie (e la MDD aiuta notevolmente in questa opera di convenience) investendo e alimentando un consistente indotto,  sia a livello locale che per tutto il Paese. E dopo oltre 30 anni di sviluppo la DMO italiana si conferma una grande risorsa del Paese, economica e sociale”-  commenta Giorgio Santambrogio, presidente di ADM.

            Unes lo scorso anno con il format Il Viaggiator Goloso (credits: marcabybolognafiere)

            “Abbiamo applicato il nostro modello proprietario di analisi sul valore delle filiere industriali, il modello dei Quattro Capitali (economico, sociale, cognitivo e ambientale), per dimostrare che la Marca del Distributore genera un contributo significativo per il sistema-Paese. Si tratta di un settore che supererà i 10 miliardi di euro di fatturato quest’anno e che attiva una filiera molto rilevante, con oltre 50 settori e comparti economici coinvolti. Anche in termini di occupazione si tratta di un settore rilevante, con oltre 200 mila occupati lungo la filiera”, gli fa eco Valerio De Molli, managing partner e Ceo di The European House – Ambrosetti.

             

            Benvenuto e apertura saranno a cura di Gianpiero Calzolari, Presidente di BolognaFiere con il saluto introduttivo di Giorgio Santambrogio, Presidente di ADM. Tra gli ospiti italiani e stranieri il futurologo Gerd Leonhard, Ceo di The Future Agency, modera Gianni Riotta, editorialista del Corriere della Sera.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine