fragole-solarelli

Fragole Solarelli, ottima qualità. In Basilicata obiettivo 45-50 mila quintali


fragole

Le fragole Solarelli di Apofruit sono in piena produzione e presentano già eccellenti caratteristiche organolettiche

È in arrivo la piena stagione per le fragole Solarelli, il marchio di alta qualità che identifica fragole coltivate nelle migliori zone di produzione, curate fin nei minimi dettagli dai produttori associati alla cooperativa Apofruit Italia. Dolci e saporite, perfettamente mature, arrivano freschissime sui banchi dei negozi in tutta Italia con la caratteristica immagine che richiama la bandiera tricolore.

 

 

fragole

La varietà Sabroosa (Candonga)

Come si preannuncia l’annata 2018? “ Grazie all’inverno mite abbiamo iniziato a raccogliere a metà gennaio, un periodo normale per le produzioni in Basilicata. – rivela Tonino Rubolino, responsabile d’area di Apofruit in Basilicata – A fine febbraio è arrivato Burian con un abbassamento di temperature fino -5 gradi centigradi all’aperto e a -2/2,5 nei tunnel”. Fortunatamente, questo calo di temperature anomalo non ha provocato grossi danni alle infiorescenze. Le piantine hanno arrestato il processo di maturazione dei frutti producendo di meno nella settimana di grande freddo. “Attualmente – continua Rubolino – la produzione è ripresa a pieno ritmo, con fragole dalle caratteristiche gustative straordinarie. Il grado zuccherino delle nostre fragole è anche superiore all’anno scorso, grazie proprio all’inverno particolarmente mite e soleggiato”.

 

Solo in Basilicata Apofruit ha 100 ettari di fragole e l’obiettivo quest’anno è quello di raggiungere i 45-50 mila quintali di prodotto. “Siamo circa 300 produttori associati ad Apofruit nell’area jonica – spiega il responsabile d’area – e la fragola è la nostra punta di diamante, perché in questo territorio raggiunge, con la varietà Sabrosa, una qualità veramente eccellente”.

 

“Grazie alla piantina fresca e alle nuove tecniche colturali – conclude Tonino Rubolino – si possono produrre le fragole 12 mesi all’anno”.

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo