FLIA2019

Fruit Logistica Innovation Award 2019, record di nomination per l’Italia. Quattro aziende in gara a Berlino


Sono stati annunciati i dieci progetti finalisti che concorrono al Fruit Logistica Innovation Award 2019, l’oscar dell’innovazione in ortofrutta assegnato ogni anno durante la terza giornata della kermesse berlinese. Le aziende italiane in nomination sono ben quattro su dieci, selezionate fra 70 candidature provenienti da tutto il mondo: CTI Food Tech con Avocado Pitter 300-AVC, il macchinario per denocciolare l’avocado, Roter con la seminatrice elettronica Modula, Jingold con il kiwi Oriental Red e Hortech con Slide Valeriana Eco, raccoglitrice hi-tech e green. Ecco i dettagli dei progetti

 

Dalla Redazione

 

Fruit Logistica Innovation Award 2019 Italia

In senso orario Oriental Red, Modula, Avocado Pitter e Slide Valeriana Eco

Ci sono anche quattro realtà italiane in corsa per il Fruit Logistica Innovation Award (FLIA) 2019, l’oscar dell’innovazione nel settore ortofrutticolo assegnato ogni anno nell’ambito della kermesse berlinese (6-8 febbraio 2019, fiera Messe). Il 6 e 7 febbraio, i primi due giorni del salone, oltre 77 mila visitatori professionali provenienti da più di 130 Paesi avranno l’opportunità di votare in fiera per l’innovazione dell’anno, scegliendo fra i 10 progetti selezionati fra 70 candidature arrivate da tutto il mondo; l’8 febbraio alle 14.30 saranno proclamati i vincitori della 14esima edizione del premio. I progetti candidati saranno esposti durante le tre giornate della kermesse ortofrutticola nel passaggio tra i padiglioni 20 e 21.

 

“Il FLIA è considerato il premio più importante del settore. Saranno sotto i riflettori dei media nuovi prodotti, servizi o soluzioni tecniche che daranno un nuovo impulso all’intera industria del commercio ortofrutticolo, dalla produzione al punto vendita”, sottolinea Madlen Miserius, senior product manager di Fruit Logistica.

 

Fra i progetti selezionati dalla giuria  di esperti, composta da membri appartenenti a tutti i livelli dell’industria del commercio ortofrutticolo, ci sono appunto quattro italiani. Uno è CTI Food Tech, azienda del salernitano in nomination per Avocado Pitter 300-AVC, una macchina brevettata per rimuovere il nocciolo dell’avocado. Trasporta fino a 300 frutti di avocado al minuto in un serbatoio speciale dove il frutto viene posizionato verticalmente. Un perno tiene il nocciolo e il frutto viene tagliato a metà. Sempre per un macchinario si candida all’oscar dell’innovazione la società mantovana Roter, che ha progettato Modula, una seminatrice elettronica, in grado di posizionare la quantità ottimale di semi nelle tracce del terreno. Questo standard di semina è adattato a diverse culture. L’attivazione o la disattivazione avviene direttamente da display.

 

Fruit Logistica 2018Fra i prodotti tiene alta la bandiera italiana Oriental Red, il nuovo kiwi di Jingold, che oltre a stupire per il colore rosso della sua polpa si contraddistingue per “proprietà organolettiche uniche e un’eccellente durata”, si legge nelle motivazioni della giuria. La dolcezza di questo kiwi, che raggiunge i 20-21 gradi brix, e il retrogusto esotico-tropicale sono caratteristiche molto apprezzate dai consumatori, che hanno potuto trovare i primi frutti sul mercato sui banchi di Conad nei migliori vendita della Romagna (leggi qui). Infine in lista per il FLIA 2019 c’è la padovana Hortech, selezionata per l’innovazione di Slide Valeriana Eco, una raccoglitrice elettrica per la valeriana con uno speciale sistema a pettine che consente di ottimizzare il trasporto. “Un raggio di sterzata di 75 gradi garantisce la massima qualità di taglio. Motori asincroni, alimentazione e accumulo di carica parlano di eco-sostenibilità”.

 

Gli altri sei candidati al FLIA 2019 sono De Ceuster Meststoffen (Belgio) con DCM Viscotec Blue, un fertilizzante in gel delicato ed inodore, altamente concentrato, da utilizzare anche nel biologico; VariCom (Svizzera) con Die Birne Fred, una varietà di pera “dalle guance rosse” per il segmento premium; PerfoTec (Paesi Bassi) con PerfoTecO2Control, un sistema di controllo delle emissioni di gas CO2 con tubo di scarico  brevettato e adatto a tutte le macchine di imballaggio. Dai Paesi Bassi arriva anche la candidatura per Bejo, una cipolla ibrida rossa molto resistente alla peronospora, dell’azienda Redlander; Frigotec (Germania) è invece candidata per Softripe Reifetechnologie, una tecnologia di maturazione completamente automatizzata per banane e altri frutti tropicali. Chiude la rosa dei dieci candidati all’oscar dell’innovazione di Fruit Logistica Top-Sealable Compostable, Recycable Strawberry Punnet“, dell’azienda canadese CKF: si tratta di una  confezione di legno sigillabile, compostabile e riciclabile, progettata per contenere da 350 a 400 grammi di fragole.

 

Copyright: Fruitbook Magazine





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo