L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            FuturPera al via: oltre 150 le aziende. Focus sul rilancio della pericoltura italiana

            FuturPera 2017

            Uno scatto di FuturPera 2017 (credits FuturPera)

            Al via la terza edizione di FuturPera – Salone Internazionale della Pera, che aprirà le porte al pubblico giovedì 28 novembre e sarà, per tre giorni, il luogo privilegiato per il rilancio della pericoltura italiana. Ad attendere i visitatori, provenienti da tutto il mondo, ci sarà un’offerta espositiva d’eccellenza, con oltre 150 aziende che proporranno il massimo dell’innovazione in tutti i settori, a partire da ricerca varietale, vivaismo, agrofarmaci e fitofarmaci, produzione, raccolta e post-raccolta, meccanizzazione agricola, logistica, packaging, commercializzazione del prodotto e import-export.

            L’evento inaugurerà ufficialmente alle 12 con il tradizionale taglio del nastro alla presenza di: Simona Caselli, assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Emilia-Romagna Alan Fabbri, sindaco del Comune di Ferrara; Paolo Govoni, presidente Camera di Commercio di Ferrara; Stefano Calderoni, presidente della società FuturPera; Gianni Amidei, presidente dell’Oi Pera, Filippo Parisini, amministratore delegato e presidente di Ferrara Fiere e Congressi, Albano Bergami, vicepresidente dell’Oi Pera.

            Anche l’informazione tecnica del World Pear Forum entrerà subito nel vivo, alle 10, grazie a un ospite d’eccezione, l’agronomo australiano Marcel Veens, che si confronterà con i tecnici della Fondazione Fll. Navarra di Ferrara sui due sistemi produttivi, italiano e australiano, nella logica del miglioramento produttivo e della riorganizzazione dell’assetto varietale. Nel pomeriggio, l’attenzione si sposterà sulla difesa fitosanitaria, con il convegno “Analisi e possibili soluzioni ai danni della maculatura bruna”. Sul palco del forum si alterneranno tecnici e ricercatori dell’Università e dei centri di saggio per una prima parte dedicata ai risultati della ricerca sulla maculatura. A seguire due interventi del Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna e del Veneto e in chiusura la tavola rotonda: “Il punto della situazione in termini di aree coinvolte dalla problematica ed esperienze dirette”. Per le conclusioni sarà presente Simona Caselli.

            FuturPera 2017

            (credits FuturPera)

            Di sicuro interesse per i visitatori anche gli appuntamenti organizzati dalle aziende espositrici che inizieranno alle 10 un focus sulle assicurazioni agricole “Attiva raccolto, Attiva raccolto, il nuovo servizio di Generali Italia Spa: le polizze parametriche” a cura di Generali Italia Spa. In mattinata anche un approfondimento su nutrizione e consumo, con l’evento “I tesori della dieta Mediterranea” a cura della Fondazione Istituto Scienze della Salute, mentre alle 12.30 si parlerà di “Formazione agricola. Fatti, esperienze e futuro” con il centro di formazione per l’agricoltura Dinamica FP. Nel pomeriggio un altro appuntamento con Generali Spa, questa volta per spiegare le opportunità di lavoro nel settore assicurativo ai giovani, mentre in serata un evento a invito di FMC: “FMC per la difesa della pera: aggiornamenti su Coragen e Spotlight Plus”.

            Il Salone rimarrà aperto dalle 9 alle 18.30 e l’ingresso è gratuito ma viene chiesta la registrazione che può essere effettuata online sul sito per evitare code all’ingresso, oppure direttamente in fiera nei giorni dell’evento. Il Salone è organizzato dalla società Futurpera srl, partecipata da Oi Pera e Ferrara Fiere e Congressi che fa parte del gruppo Bologna Fiere Group. Hanno collaborato all’organizzazione: CSO Italy e la Fondazione F.ll Navarra di Ferrara. È organizzata con il contributo di Comune di Ferrara, Camera di Commercio di Ferrara, Regione Emilia-Romagna. Sostengono la manifestazione Bper Banca, Generali Italia e VH Italia Assicurazioni. L’evento ha il patrocinio del Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

            Copyright: Fruitbook Magazine