L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            I meloni del Senegal Francescon nella linea Terra Equa Coop

            MeloneTerraEquaCoop
            I meloni prodotti in Senegal da fine febbraio a inizio maggio da OP Francescon, azienda leader in Italia nella produzione e commercializzazione di meloni, entrano da quest’anno a far parte della linea Terra Equa di Coop Italia, in compagnia dei fagiolini del Burkina Faso e dei datteri di Gerico. Per ogni chilo di melone acquistato Coop e OP Francescon destinano 10 centesimi alla Fondazione Giovanni Paolo II di Firenze che si occuperà della realizzazione di un presidio medico nel villaggio di Tasset, vicino alla zona di produzione

            MeloniSenegalTerraEquaCoopAlcuni anni fa la comunità senegalese in Italia chiese a Coop di valorizzare le eccellenze agricole del loro Paese per dare un contributo allo sviluppo del Senegal. Senza ombra di dubbio le caratteristiche climatiche e di terreno del Senegal risultano ottimali per la produzione del melone in un periodo dell’anno (metà febbraio a fine aprile) in cui  ancora non è pronto il melone italiano. Coop chiese ai suoi migliori fornitori di melone di lavorare ad un progetto di produzione di melone in Senegal e oggi dopo alcuni anni di test è lieta di poter presentare il progetto Melone del Senegal.

            Ben 160 ettari nella zona di Ties a quaranta chilometri da Dakar vedono oggi crescere l’ottimo frutto che tanto piace agli italiani. L’azienda Francescon ha portato in Senegal le macchine agricole, i trattori, le serre, i mezzi tecnici e il know how necessari alla produzione e oggi rappresenta per la zona di Ties una realtà produttiva all’avanguardia che dà lavoro a centinaia di persone garantendo un livello di reddito del doppio rispetto allo standard dell’area. Coop si impegna a dare distribuzione in Italia nei suoi punti vendita a questo prodotto da quando inizia la raccolta in Senegal fino a quando inizia la commercializzazione del prodotto italiano.

            Senegal raccoltaSia Coop che l’azienda Francescon destinano 0,05 €  al kg (totali 10 centesimi al kg) di ogni melone venduto alla fondazione Giovanni Paolo II di Firenze che curerà la realizzazione di un presidio medico nel villaggio vicino alla zona di produzione ad oggi inesistente. Dalla vendita del melone nel 2014 si stima di raccogliere dai 20 mila ai 30 mila euro da destinare al progetto. Della linea Terra Equa – da non confondere con Solidal Coop che contraddistingue i prodotti certificati Fairtrade – fanno parte anche i fagiolini del Burkina Faso e i datteri di Gerico.