L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            La Linea Verde presenta a Macfrut i nuovi tramezzini freschi Dimmidisì

            Dimmidisì tramezzini
            Dopo le zuppe e le paste fresche, La Linea Verde riprende la via della gastronomia con i nuovissimi tramezzini freschi, pronti per il mercato italiano. Il nuovo prodotto verrà presentato in esclusiva durante la fiera Macfruit che si terrà a Cesena la prossima settimana. Lo stand de La Linea Verde ospiterà inoltre uno show cooking curato dallo chef spagnolo di Fresh Gourmet

            di Irene Pasquetto

            Dimmidisì nuovi tramezziniTutto pronto per i tramezzini freschi di Dimmidisì, un progetto in cantiere da alcuni anni. “Nasciamo come produttori di quarta gamma e quello rimane il nostro core business, con un’incidenza del 75 per cento sul fatturato”, dichiara a Fruitbook Magazine Massimo Bragotto, direttore commerciale  de La Linea Verde. “Abbiamo poi inventato nuovi modi di consumare ortofrutta fresca, creando nuovi prodotti e nuovi mercati e andando a soddisfare nuovi bisogni, elevando l’insalata da semplice contorno a pasto unico, arricchendola di ingredienti e di servizio”.

            Il passo successivo è stato spingersi verso i piatti pronti freschi, come Linea Verde fa da alcuni anni con le zuppe fresche e le paste fresche. Continua Bragotto: “Forti dell’esperienza del sito produttivo che abbiamo aperto in Austria ci siamo spinti verso la gastronomia fresca, proponendo ora anche cinque referenze di tramezzini freschi, scadenza otto giorni, che si distinguono dagli altri per la forma rettangolare, gli ingredienti di alta qualità – a partire dal pane, l’insalata croccante e le creme solo a base vegetale – e il packaging elegante che richiama il classico sacchetto del pane e che contiene anche un pratico tovagliolo. Danno l’impressione di essere dei tramezzini fatti al volo dal bottegaio. Una grande sfida per noi, dato che per la prima volta non ci rivolgiamo più al buyer ortofrutta ma a quello della gastronomia”.

            Copyright Fruitbookmagazine.it