L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Asparago, La Misenate: “Prezzi top per le primizie. Curiosità per l’asparago viola”

            Si è aperta nell’ultima decade di febbraio la campagna asparagi della cooperativa campana La Misenate, che ha 40 ettari sotto serra dedicati alla produzione del pregiato ortaggio primaverile. Nonostante un ritardo di una ventina di giorni sul normale calendario di raccolta, il prodotto precoce ha fatto il suo esordio positivo sul mercato, con un prezzo medio di 4,5-5 euro al chilo. “Ora con il caldo e una maggiore offerta sul mercato, i prezzi sono un po’ diminuiti, ma restano interessanti”, rivela il presidente Ciro D’Andrea Esposito. Crescono inoltre le richieste da parte dei clienti nei mercati ortofrutticoli per l’asparago viola, che spicca sui banchi per il suo colore purpureo, conquistando sempre più consumatori

             

            di Carlotta Benini

             

            misenate asparago viola

            L’asparago viola della cooperativa La Misenate

            Entra nel vivo con tutti i migliori auspici la campagna asparagi della Cooperativa agricola La Misenate, presente con le sue primizie già da un paio di settimane in tutti i principali mercati ortofrutticoli nazionali da Roma in sù. L’azienda di Frattamaggiore (Napoli) è specializzata in alcune specie orticole e frutticole e vede nell’asparago il prodotto principe della campagna primaverile. “La raccolta è iniziata intorno al 20-25 febbraio, con ventina di giorni di ritardo rispetto al normale calendario produttivo, per via delle condizioni climatiche non favorevoli. – esordisce il presidente Ciro D’Andrea Esposito – Nella prima decade di marzo i prezzi sono stati molto interessanti, il nostro prodotto viaggiava su una media di 4,5-5 euro al chilo. Ora il caldo ha aumentato la produzione e, con una maggiore offerta sul mercato, i prezzi sono leggermente diminuiti, ma restano comunque positivi (viaggiano intorno ai 3,5-4 euro al chilo)”.

             

            La Misenate ha 40 ettari dedicati all’asparago, coltivato sotto serra. “Il prodotto qualitativamente quest’anno si presenta buono, e anche i quantitativi sono nella norma. – continua D’Andrea Esposito – Ci aspettiamo una raccolta complessiva di 70 quintali per ettaro”.

             

            misenate asparago verde

            L’asparago verde

            La Misenate, dopo accurate indagini di mercato, ha puntato principalmente sulla produzione di asparagi verdi, privilegiando la coltivazione di diverse varietà come Placosesp, Dariana, Darbella e Darlisa, messe a punto dalla società spagnola Planasa, uno dei principali produttori e vivaisti in Europa, con un programma di selezione varietale sugli asparagi che costituisce un punto di riferimento a livello mondiale.

             

            C’è inoltre una nicchia, che rappresenta circa il 10% della produzione, che sta conquistando sempre di più i clienti dei mercati ortofrutticoli e attirando la curiosità del consumatore: l’asparago viola. Si tratta di una varietà che nasce da seme italiano, più tardiva rispetto all’asparago verde, in raccolta dai primi giorni di marzo. “L’asparago viola è simile a quello bianco come consistenza, ma presenta un sapore più intenso. – spiega il presidente de La Misenate – Ha inoltre una fibra più dura ed è più resistente, mantenendo anche una shelf life maggiore. Spicca sui banchi per il suo colore purpureo, quasi rosso, e attira l’attenzione dei consumatori più attenti alla novità. Tipicamente consumato a Genova e nella riviera ligure, ultimamente stiamo registrando una richiesta crescente anche sul versante opposto, nella riviera adriatica: siamo presenti nel riminese e anche nel mercato ortofrutticolo di Cesena (azienda Gobbi). Inoltre lo stiamo vendendo all’Ortomercato di Milano, tramite l’azienda Di Pilato”.

             

            La campagna asparagi de La Misenate proseguirà con il prodotto sotto serra fino a fine marzo circa. I prezzi per l’asparago viola sono ancora più interessanti: questo prodotto viene commercializzato con una media di 6 euro al chilo.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine