melannurca

Torna sui banchi la mela Annurca. Coop Sole: “ Qualità ottima. Previsti 4-5 mila q.li”


È una mela antica, simbolo della biodiversità campana. Si distingue dalle altre varietà per l’eccezionale rapporto fra acidità e grado zuccherino, che ne fanno un frutto altamente digeribile, amato anche dai più piccoli. È la Annurca, la “regina delle mele”, raccolta a settembre e quindi arrossata a terra, finché i suoi frutti non sviluppano una colorazione uniforme. Coop Sole (gruppo Apofruit) è una realtà di riferimento per questa mela, certificata al 100% con il marchio Igp. La campagna si è aperta i primi di ottobre con tutte le premesse positive, rivela il direttore generale Pietro Ciardiello. Il prodotto è commercializzato nelle principali insegne della Gdo nazionale e in piccola percentuale anche all’estero

 

di Carlotta Benini

 

mela Annurca

La Annurca è una mela antica, simbolo della biodiversità campana

Ottobre, in Campania, è il tempo delle mele. Della “regina delle mele”, per l’esattezza, in riferimento a un frutto che viene così chiamato per le sue caratteristiche organolettiche uniche, che non trovano riscontro in altre varietà, e per le elevate proprietà nutraceutiche. Stiamo parlando della mela Annurca, la cultivar melicola più antica della biodiversità campana, simbolo della ricchezza agricola regionale. Coop Sole è una realtà di riferimento nella produzione di questa mela: la campagna 2018/2019 è iniziata i primi di ottobre con presupposti positivi. “Complice il clima favorevole, i frutti si presentano di bell’aspetto e pezzatura, di colorazione intensa e di elevata qualità”, rivela Pietro Ciardiello, direttore generale della cooperativa di Parete (CE) associata a Mediterraneo Group, società, quest’ultima, consorziata ad Apofruit Italia.

 

La campagna proseguirà fino a fine marzo-primi di aprile: complessivamente la cooperativa prevede di raccogliere e commercializzare tra i 4 e i 5 mila quintali di mele Annurca. “La produzione si fregia nella sua totalità del marchio Igp. – continua Ciardiello – Abbiamo quattro soci che coltivano questa mela secondo disciplinari rigorosi, orientati alla massima sostenibilità e sicurezza dei consumatori. Gli ettari in totale sono 15”.

 

mela Annurca

La mela Annurca viene raccolta a settembre e quindi posata a terra per l’arrossamento

La mela Annurca si distingue per la sua forma appiattita-rotondeggiante, leggermente asimmetrica, la polpa croccante e bianca e il profumo finissimo, una vera delizia per gli intenditori. La buccia, liscia e cerosa, è di colore giallo-verde, con striature di rosso su circa il 60-70% della superficie a completa maturazione. Percentuale di sovra-colore che raggiunge l’80-90% dopo il periodo di arrossamento a terra: è infatti proprio questa una delle caratteristiche distintive di questa mela, che dopo la raccolta viene messa a terra, adagiata su uno strato di trucioli di abete bianco. I frutti vengono girati a mano, uno ad uno, per garantire una colorazione uniforme e un colore rosso intenso.

 

“Un altro tratto distintivo della mela Annurca – spiega il direttore di Coop Sole – è il suo eccezionale rapporto fra acidità e grado zuccherino, caratteristica, questa, che la rende un frutto molto leggero e facilmente digeribile, tradizionalmente utilizzato anche nell’alimentazione dei più piccoli”.

 

mela Annurca pack

Coop Sole è presente in Gdo con la mela Annurca Igp e quella a marchio Solarelli

La mela Annurca di Coop Sole è presente nelle principali insegne della Gdo nazionale, anche con il marchio Solarelli, che contraddistingue i prodotti della linea premium di Apofruit. “Siamo molto presenti in Campania e Lazio, ma c’è una nicchia di mercato molto interessante anche in Toscana, Emilia, Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto”, precisa Ciardiello. Una piccola percentuale di prodotto è destinata anche all’export. “Lo scorso anno – conclude – abbiamo fatto un test in Germania e negli Emirati Arabi. Sicuramente replicheremo l’esperienza su quest’ultimo mercato extra Ue, che ci ha dato soddisfazioni”.

 

I prezzi, in questo avvio di campagna, sono positivi e le premesse ci sono tutte per una campagna soddisfacente per i produttori.

 

“Solarelli non è solo alta qualità e innovazione varietale, è un marchio che valorizza anche il legame con il territorio. – sottolinea Gianluca Casadio, responsabile marketing di Apofruit Italia – Da qui il co-branding con Coop Sole per la commercializzazione della mela Annurca Campana Igp nella nostra linea di alta gamma. All’interno del paniere Solarelli ci sono altri prodotti di successo si fregiano del marchio di tutela: penso ad esempio alla patata di Bologna Dop, o alle pesche e nettarine Igp”.

 

“Tornando alla Annurca – conclude Casadio – è un prodotto che dà grandi soddisfazioni, sia dal punto di vista commerciale, che dal lato del consumatore, che trova in questa mela caratteristiche di gusto e di aroma uniche. Non da ultimo, è un esempio virtuoso di aggregazione fra due realtà produttive del settore ortofrutticolo”.

 

 

Copyright: Fruitbook Magazine





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo