Mioorto-Fruit-Attraction-2018-Fm

Da Mosca a Madrid, Mioorto promuove l’expertise nelle insalate di quarta gamma


Mioorto da diversi anni partecipa alla fiera spagnola Fruit Attraction ed è l’unica azienda del comparto insalate di quarta gamma che partecipa anche alla fiera World Food di Mosca, nonostante le frontiere con la Russia siano chiude dal 2014 per numerosi beni tra cui i prodotti ortofrutticoli. Marco Bertoli: “Siamo stati i primi a fornire buste di insalata già lavata a un gruppo distributivo russo. Continuiamo a partecipare alla fiera per essere pronti quando il mercato si riaprirà”. Intanto per l’azienda bergamasca cresce costantemente la Spagna

 

di Eugenio Felice

 

 

Mioorto-Fruit-Attraction-2018-Fm

Marco Bertoli con Laura Pedrini (a destra) dell’ufficio commerciale (Copyright: Fm)

Mioorto, con sede a Carobbio in provincia di Bergamo, è stata anche quest’anno l’unica azienda italiana del comparto insalate di quarta gamma ad aver partecipato con stand alla fiera World Food che si è svolta a Mosca dal 17 al 20 settembre. La partecipazione si è svolta nella collettiva organizzata dall’ICE. “Prima che venissero chiuse le frontiere a buona parte del food europeo – ci spiega Marco Bertoli, presidente di Mioorto – avevamo già un buon lavoro con la Russia con prospettive di crescita piuttosto elevate. Siamo stati tra l’altro i primi a fornire direttamente dall’Italia prodotto lavato a un gruppo della grande distribuzione russa, grazie a una combinazione di agricoltura avanzata, una tecnologia che non ha eguali in Europa e un personale che non lascia nulla al caso”.

 

Mioorto-songino-Fruit-Attraction-2018-Fm

La valeriana o songino è uno dei prodotti di punta di Mioorto (Copyright: Fm)

“Continuiamo a partecipare alla fiera – aggiunge Bertoli – per essere pronti quando il mercato si riaprirà, consapevoli che nel frattempo la situazione è profondamente cambiata. Ci sono stati in questi anni enormi investimenti nelle insalate di prima gamma, mentre lo spazio sugli scaffali dei supermercati per il prodotto lavato e asciugato si è ridotto notevolmente, anche perché va tenuto conto che in Russia questi sono stati anni di crisi con meno propensione a spendere”. Abbiamo intervistato Marco Bertoli alla fiera Fruit Attraction di Madrid, dove l’azienda bergamasca espone da cinque anni. “Serviamo il mercato spagnolo da 6-7 anni, in particolare operatori dei Mercati all’ingrosso. Rappresenta un mercato importante con una costante crescita nel tempo”.

 

Mioorto-Fresche-Pronte-Fruit-Attraction-2018-Fm

Le insalate Fresche&Pronte in vassoio tra le novità di Fruit Attraction 2018 (Copyright: Fm)

L’industria italiana delle insalate di quarta gamma è la più avanzata in Europa. La domanda quindi ci è venuta d’obbligo: si può ancora fare innovazione nel comparto? “Se nelle procedure di lavaggio e asciugatura abbiamo raggiunto un livello piuttosto avanzato, vedo margini di ulteriore miglioramento nella parte agricola e nella sostenibilità lungo tutta la filiera. La qualità delle insalate in busta nasce dal prodotto raccolto in campo. Se rispettiamo i tempi della natura il prodotto non solo è più buono e croccante ma dura anche di più. Poi c’è tutta l’area del packaging, che deve essere non solo accattivante e informativo ma anche rispettoso dell’ambiente. C’è infine la responsabilità sociale: noi da due anni gestiamo una serra insieme all’Opera Pia Patronato di San Vicenzo di Bergamo per insegnare ai ragazzi come coltivare le erbe aromatiche”.

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo