L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA
                      L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO
                      L’INFORMAZIONE INDIPENDENTE PER PROFESSIONISTI E APPASSIONATI DI ORTOFRUTTA

                      Nunhems Italy, il Melone retato Bernini F1 scelto da Nadalini

                      Il melone Bernini F1 è il protagonista di una serie di video interviste a produttori e coltivatori agricoli che spiegano perché, per la campagna in corso, hanno preferito la varietà di melone retato proposta da Nunhems Italy – BASF Vegetable Seeds business, divisione Agricultural Solutions, nell’ambito di una serie di interviste realizzate ad hoc. Francesca Nadalini, titolare della storica azienda agricola Nadalini, racconta il perché della sua scelta: è un melone inconfondibile per alto rendimento, tenuta alla sovramaturazione e ottima long shelf life, oltre che per precocità ed elevato grado brix

                      Dalla Redazione

                      melone

                      Bernini F1 – la nuova varietà di melone retato proposta da Nunhems Italy – presenta una serie di importanti tratti distintivi, che si stanno rivelando molto apprezzati dai coltivatori. A raccontarlo sono i produttori agricoli stessi, intervistati dagli esperti di BASF, nell’ambito della campagna in corso.

                      Il melone inconfondibile per alto rendimento, tenuta alla sovramaturazione e ottima long shelf life, oltre che per precocità ed elevato grado brix, è infatti protagonista di alcuni video che mostrano la varietà in campo e ne spiegano tutte le caratteristiche. La prima intervista – on line sulla nostra pagina Facebook – è stata quella a Francesca Nadalini, titolare della storica azienda agricola omonima, che ha rilasciato la sua testimonianza sulla coltivazione nelle serre tardive di questa varietà a Sermide, in provincia di Mantova, zona particolarmente vocata per il melone.

                      melone

                      Francesca Nadalini, titolare di Agricola Nadalini

                      “Abbiamo puntato molto sulla varietà Bernini F1 – spiega Francesca Nadalini – in grado di associare flessibilità a gusto unico. Per noi è importante coltivare le tradizioni del futuro, ovvero quelle che diventeranno linee di prodotto che si affermeranno nel tempo. Abbiamo individuato subito Bernini F1: da tempo cercavamo un prodotto del genere. Ci è piaciuto per la sua forma rotonda, il suo colore, la sua polpa consistente e il suo gusto straordinario. La nostra raccolta è iniziata il 5 di giugno, il prodotto è stato da subito molto apprezzato per la sua eleganza, consentendoci di lavorare sull’alta qualità. Noi siamo produttori di melone mantovano IGP e Bernini F1 è stato sicuramente il grande protagonista di questo inizio stagione 2020”.

                      Alla domanda su quali fossero stati i primi feedback dai mercati, la titolare dell’azienda e responsabile commerciale per melone e anguria della OP Sermide Ortofruit ha riferito che “sul mercato il prodotto commercializzato da OP Sermide Ortofruit ha trovato un’ottima risposta sia dalla GDO che dai mercati, i quali hanno trovato Bernini F1 adatto per l’inizio della campagna e hanno continuato a richiederlo. Tra i suoi maggiori punti di forza c’è la lunga conservabilità, che ha consentito di fare anche diverso export”.

                      melone

                      Matteo Bano, sales specialist BASF

                      Bernini F1 è una varietà a ciclo precoce, che si adatta perfettamente ai cicli di trapianto sotto serra dal 25 di marzo al 10-15 di aprile e in tunnellino dal 10 di aprile a metà maggio. La sua pezzatura è molto uniforme e si attesta tra 1,3-1,5 kg. La sua pianta – molto sana, grazie al suo pacchetto di resistenze, tra cui un’elevata tolleranza all’oidio – è molto equilibrata e con un’ottima capacità di allegagione, che consente di avere un’alta resa potenziale e una concentrazione della raccolta.

                      Il frutto è molto elegante, con retatura densa e meridiani color verde scuro brillante. “La consistenza della polpa di Bernini F1 è ideale – spiega Matteo Bano, Sales Specialist Melon & Watermelon BASF Nord – così come il colore arancio carico. Il grado brix elevato, l’aroma tipico e zuccherino gli conferiscono un gusto unico. Grazie alla sua estesa shelf-life, con la conservazione aumenta la succosità e mantiene inalterata l’elevata qualità organolettica. Tutte queste caratteristiche fanno del melone retato Bernini F1 un prodotto davvero di eccellenza”.

                      Copyright: Fruitbook Magazine