L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Pears Sort 3: Unitec lancia negli Usa l’alta tecnologia per la lavorazione e classificazione delle pere

            È stato inaugurato il 16 luglio scorso negli Stati Uniti il primo impianto al mondo fortemente specializzato per la lavorazione e la classificazione della qualità delle pere. Lo ha realizzato Unitec, all’interno di uno degli stabilimenti della Centrale Ortofrutticola Diamond Fruit Growers, situato presso la Hood River Valley nello stato dell’Oregon: si tratta di un impianto a 18 canali dotato della tecnologia Unitec Uni 9.0 Pear con sistema Pears Sort 3 per la rilevazione delle differenti classi di qualità delle pere.

             

            “Il motivo per cui abbiamo scelto Unitec? Il consiglio d’amministrazione decise di investire sull’azienda con l’obiettivo di consentire la nostra presenza sul mercato per i prossimi cent’anni. – spiega David Garcia, presidente di Diamond Fruit Growers -A quel punto iniziammo a guardarci attorno e vedere cosa offriva il mercato per la lavorazione delle pere.  La maggior parte delle tecnologie a disposizione erano linee per le mele che lavoravano le pere: erano state adattate affinché lavorassero anche questo frutto. Unitec è stata l’unica azienda che si è resa disponibile ad ascoltarci e a prendersi del tempo per pensare a cosa si poteva fare. Hanno avuto la volontà di progettare una linea esclusivamente dedicata a questo frutto, dall’inizio alla fine”. Il p residente di Diamond Fruit Growers ha chiarito molto bene che cosa ha spinto la Centrale ad affidarsi a Unitec per un progetto di tale portata. Unitec, fin dal primo incontro con il potenziale cliente, si è presa la responsabilità di ascoltare le sue esigenze, di accogliere le sue richieste, di prendersi del tempo per pensare a come trasformarle in soluzioni concrete ed affidabili per questo speciale frutto.

             

            Unitec ha creduto davvero in questo progetto ed è diventata così la prima azienda al mondo a realizzare un impianto fortemente specializzato per la lavorazione e classificazione delle pere. “Quando iniziammo questo progetto, volevamo reinventare tutto il processo produttivo. – continua Robert Wymore, pperation manager di Diamond Fruit Growers – Eravamo intenzionati a entrare nel mondo dell’automazione e cercammo di trovare un impianto adeguato, ma non esisteva! Desideravamo trovare un’azienda con la volontà di collaborare con noi, di rischiare con noi, di passare con noi i tempi più duri, e fin da subito fu chiaro che Unitec disponeva delle persone e dell’attitudine che cercavamo”. Wymore conferma quindi quanto dichiarato dal presidente Garcia sulle ragioni alla base della scelta di affidare il progetto ad Unitec. Per un progetto così importante e ambizioso, Diamond necessitava di un’azienda che a una grande professionalità unisse coinvolgimento e partecipazione, e in Unitec ha trovato il partner perfetto.

             

            Dietro ai risultati che anno dopo anno Unitec ha consentito di raggiungere ai suoi clienti, c’è sempre la volontà di mettersi in gioco totalmente. Interesse, passione, entusiasmo, sono i valori aggiunti che Unitec mette in ogni suo lavoro. La professionalità e l’innovazione continua sono alla base di tutto, ma non bastano quando si tratta di puntare all’eccellenza. E il team Unitec non si risparmia mai, dai primi sviluppi del progetto alle fasi finali del processo produttivo. Il Presidente Garcia ha sottolineato che partecipazione per Unitec è anche affidabilità nell’assistenza: “Qualunque problema riscontravamo, loro lo hanno risolto. È stato davvero fantastico. – rivela – Durante l’installazione della linea hanno lavorato tutto il giorno e tutti i giorni”.

             

            A rimanere colpito dall’atteggiamento del Team Unitec è stato anche Nick Erickson, project manager di Diamond Fruit Growers, che ha rilevato un’interessante aspetto di integrità professionale: “Non hanno semplicemente detto ‘Questo è ciò che avevamo concordato’. È capitato che vedessero cose che non li convincevano e che noi neanche avevamo notato, e che dicessero ‘Lo andremo a migliorare’.E i risultati di un tale atteggiamento non sono tardati ad arrivare”.

            Riempiendo di soddisfazione il team Unitec, il presidente di Diamond Garcia ha dichiarato che i risultati della tecnologia hanno non solo atteso, ma addirittura superato le aspettative, sotto tutti i punti di vista. “I volumi di produzione hanno superato le nostre aspettative, l’omogeneità nella classificazione della qualità ha superato le nostre aspettative, l’omogeneità della calibratura ha superato le nostre aspettative la loro professionalità ha superato le nostre aspettative. Non c’è un aspetto della collaborazione con Unitec che non abbia superato le nostre aspettative”, sottolinea con entusiasmo.

             

            “Il sistema Pears Sort 3 di cui Uni 9.0 Pear è equipaggiata è una vera e propria avanguardia tecnologica: rileva le differenti classi di qualità delle pere con una precisione e una affidabilità senza precedenti. – continua il presidente – È inoltre un sistema estremamente delicato, che permette una classificazione non invasiva e nel pieno rispetto delle caratteristiche organolettiche delle pere. Non riscontriamo più i danni sulla frutta che notavamo con l’impianto precedente. Inoltre l’omogeneità del prodotto è notevole e quindi, quando inviamo una confezione di frutta ai nostri clienti, sappiamo che riceveranno frutta di qualità uniforme, confezione dopo confezione, giorno dopo giorno, mese dopo mese”. Con queste parole, Robert Wymore si mostra ben consapevole del fatto che Diamond Fruit Growers, avvalendosi di Uni 9.0 Pear con sistema Pears Sort 3, può garantire alla Distribuzione Moderna e ai consumatori finali forniture di pere dalla qualità omogenea all’interno delle confezioni, ma anche omogenea tra una fornitura e l’altra.

             

            Alle parole di Robert Wymore fa eco il presidente Garcia, che insiste sull’omogeneità del prodotto finale e su quanto questa abbia impressionato i packers che collaborano con Diamond.”Siamo stati molto soddisfatti dell’omogeneità della classificazione della qualità. – dice – Abbiamo infatti ricevuto commenti dai nostri packers che hanno visto la frutta che esce dalla nostra linea. Dicono che il livello di qualità che hanno riscontrato è il più omogeneo che abbiamo mai raggiunto prima”.

             

            Questi risultati si accompagnano anche ad una contrazione notevole dei costi di lavorazione.La tecnologia Uni 9.0 Pear con Pears Sort 3 consente infatti a Diamond un risparmio notevole in termini di manodopera perché, grazie all’alto livello di automazione di questa tecnologia, è necessario un numero di persone sulla linea incredibilmente minore. Se, prima dell’acquisizione della tecnologia Unitec, le linee di produzione erano due e collocate in due differenti stabilimenti, con un numero complessivo di 100 operatori addetti alla classificazione delle pere, ora, grazie alla tecnologia Unitec, Diamond riesce a processare tutta la frutta con una sola linea, collocata in un solo stabilimento produttivo, e con solo 24 operatori totali. Accanto al risparmio della manodopera, Diamond può beneficiare anche di un risparmio di spazi, di acqua e di elettricità, con un incremento generale dell’efficienza del processo produttivo veramente sorprendente. E questo senza intaccare minimamente il livello di produzione e l’affidabilità della classificazione, che, anzi, risultano notevolmente potenziati anche in termini assoluti.

             

            “La cosa che più mi ha sorpreso è stata l’imponenza con cui si presentava quest’operazione e allo stesso tempo la semplicità con cui si è compiuta. – ha concluso il presidente Garcia, dando massima gratificazione al team Unitec – Quello che volevamo veder realizzato è diventato realtà”.

             

            L’installazione di questo impianto è un tassello molto importante nella costruzione di un rapporto sempre più stretto tra Unitec e il mondo statunitense, dove Unitec è già presente da tempo anche con due filiali operative, una a Lodi in California e una a Wenatchee nello Stato di Washington. Risultati come quelli appena descritti riempiono di soddisfazione e danno nuova forza al team Unitec, che ogni giorno, negli USA come nel resto del mondo (Europa, Sudamerica, Sudafrica, Estremo Oriente, etc.) si impegna, attraverso la ricerca continua e l’innovazione, per portare risultati concreti ai suoi clienti.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine