L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Pink Lady: a spicchi, nell’estratto, nello yogurt. Partnership con VOG Products, OrtoRomi e Mila

            Matrimonio all’italiana per Pink Lady, che ha partecipato per la prima volta a Macfrut per celebrare la partnership con tre importanti realtà industriali italiane: Vog Products, OrtoRomi Mila. Nascono così tre nuove sfiziose referenze: uno snack con spicchi di mela, un estratto e uno yogurt. L’obiettivo di questa joint venture è quello di valorizzare la totalità della produzione, riducendo gli sprechi, di supportare l’evoluzione delle abitudini di consumo e l’innovazione di prodotto e contestualmente di esprimere le qualità della mela dal bollino a forma di cuore in differenti modalità

             

            di Carlotta Benini

             

            Pink Lady OrtoRomi VOG FM

            I tre nuovi prodotti a base di mela Pink Lady (copyright: Fm)

            Una mela “con una qualità eccezionale” che rappresenta “un modello economico unico”, dal respiro europeo. Che mette al centro il produttore, gratificato da un prodotto che garantisce redditività, e anche il consumatore, che trova in questa mela dal bollino a forma di cuore una soddisfazione sensoriale a 360 gradi. Stiamo parlando di Pink Lady, una mela club che oggi  vale 201 milioni di euro e che gode di una brand awareness che fra i consumatori italiani ha raggiunto il 61%. Nel corso dell’ultima campagna commerciale sono state vendute 168.000 tonnellate di Pink Lady, di cui 82.600 prodotte (50%) dai 1.900 melicoltori italiani in Alto Adige ed Emilia Romagna.

             

            L’associazione Pink Lady Europa (APLE) ha scelto quest’anno di partecipare per la prima a Macfrut per celebrare la partnership con tre importanti realtà industriali italiane: Vog Products, OrtoRomi e Mila, che hanno scelto la mela dal bollino a forma di cuore come ingrediente esclusivo, rispettivamente, di uno snack, di un estratto fresco e di uno yogurt.

             

            Lo stand di Pink Lady a Macfrut 2019

            VOG Products ha ideato lo snack di mela a spicchi Pink Lady (lavata e tagliata), che intercetta l’interesse del consumatore nei confronti dei prodotti ortofrutticoli ready and easy to eat, connotati da caratteristiche quali la salute e la freschezza. Gli spicchi sono proposti in formato multipack (tre bustine) o in bustina singola e prevedono un packaging ecosostenibile. “L’idea di fare gli spicchi di mela Pink Lady era nata già tempo fa. – afferma Cristoph Tappeiner, general manager di VOG Products – La collaborazione tra VOG Products e Pink Lady Europe è consolidata ormai da tanti anni. Tra gli scaffali, il ready to eat fa registrare una continua crescita, pertanto ora è il momento giusto di mettere a disposizione dei consumatori, anche di quelli più giovani e dei bambini, una merenda sana e gustosa, pratica e divertente”.

             

            “Realizzati unicamente con le mele del Trentino Alto Adige, – aggiunge  – gli spicchi sono completamente naturali e salutari: lo snack ideale in ogni momento della giornata, a casa o al lavoro, a scuola, nello sport o in viaggio”. Quando arriveranno sugli scafali? “A metà maggio partiremo con il primo test in 30 punti vendita di un importante catena della Gdo italiana”, rivela in conclusione Tappeiner.

             

            Pink Lady VOG OrtoRomi FM

            Da sinistra Fabio Ronco, Thierry Mellenotte e Cristoph Tappeiner (copyright: Fm)

            OrtoRomi, azienda di riferimento nel settore della IV gamma, ha invece creato, all’interno della linea degli estratti Insal’Arte, una monoreferenza 100% mela Pink Lady, particolarmente gustosa, profumata e colorata. OrtoRomi è l’azienda italiana leader degli estratti freschi: “Un segmento di mercato in cui nel 2018 abbiamo sviluppato un giro di affari di 7,2 milioni di euro”, rivela Fabio Ronco, central north sales director del gruppo.

             

            L’estratto OrtoRomi nasce grazie al processo di pastorizzazione Hpp Process, che mantiene inalterate le qualità organolettiche delle materie prime e consegna una referenza 100% naturale, che non prevede l’aggiunta di acqua, zucchero, coloranti e conservanti. “La scelta di rivolgerci a Pink Lady è stata piuttosto scontata. – continua Ronco –   In Italia ci sono moltissime varietà di mela, ciascuna con le proprie caratteristiche e tutte molto buone. A nostro avviso però Pink Lady si distingue per il gusto e per la consistenza che si presta in modo trasversale sia al consumo tal quale che sotto forma di estratto.”

             

            Mila, infine, propone a scaffale, già da due anni, lo yogurt da bere al gusto mela Pink Lady. La ricetta unisce la freschezza dello yogurt e il sapore della mela, per un connubio dolce-acidulo. Il formato è ideale per il consumo “on the go”. Lo yogurt è proposto anche nella versione al cucchiaio (due confezioni da 125 g). La collaborazione con VOG Products e Mila si innesta anche in un contesto di valorizzazione del territorio, operando tutte le realtà, produzione di Pink Lady compresa, in Alto Adige.

             

            Il progetto che vede coinvolte Vog Products, Mila e Ortoromi si inserisce, come spiega Thierry Mellenotte, direttore dell’associazione Pink Lady Europa: “Nel contesto strategico e valoriale della realtà Pink Lady, che vanta 100 milioni di consumatori in Europa. Il merito di questo numero è dato dall’eccezionale qualità della mela, dal modello economico unico che ci caratterizza, dall’approccio di progresso condiviso che tutti insieme i player della filiera adottano e da una struttura economica dedicata che ci consente il totale presidio delle informazioni e dello sviluppo commerciale”.

             

            Una mela che dà soddisfazioni, a tutta la filiera, sulla quale l’associazione europea APLE continua a  investire. “L’obiettivo – conclude Mellenotte – è quella di giungere entro il 2025 a una produzione di 275.000 tonnellate in Europa, di cui 135.000 in Italia, con 400 nuovi produttori italiani che stimiamo entreranno a far parte dell’associazione”. 

             

            Copyright: Fruitbook Magazine