Sainsburys-Asda-quad

Sainsbury’s e Asda (Walmart) insieme: loro un terzo del mercato Uk


Il colosso del grocery britannico Sainsbury’s e la catena retail Asda, società controllata di Walmart, hanno annunciato di aver trovato un accordo di fusione delle due società. La nuova unione – che vede Sainsbury’s alla guida come azionista di maggioranza e Asda/Walmart detenere il 42% delle quote – scalza Tesco dal primo posto del retail in Regno Unito e diventa così uno dei gruppi di punta del settore con un fatturato stimato a 51 miliardi di sterline. L’accordo – promettono le parti coinvolte – non porterà ad alcun stravolgimento delle insegne e non comporterà alcuna chiusura, mentre ai clienti verrà presto riservato uno sconto del 10% su diversi prodotti. Intanto le borse brindano all’accordo portando Sainsbury’s ad un +20%

 

di Massimiliano Lollis

 

Sainsbury's

Sainsbury’s e Asda (Walmart) annunciano un accordo di fusione: insieme detengono quasi un terzo del mercato Uk

L’accordo c’è. Il secondo più grande food retailer del Regno Unito Sainsbury’s e la società controllata di Walmart Asda si fonderanno per controllare circa un terzo del mercato nazionale, scalzando così il colosso Tesco dal primo posto.

 

La “Combination” – come viene definita l’operazione di fusione nell’annuncio alla stampa di questa mattina – vede Sainsbury’s al posto di comando come azionista di maggioranza, mentre a Walmart spetterà il 42% delle quote del capitale azionario incassando 2,97 miliardi di sterline con una valutazione – per Asda – di 7,3 miliardi di sterline e non oltre il 29,9% del diritto di voto nella società.

 

In un mercato dinamico come quello britannico – dove l’arrivo dei discount tedeschi e l’avvento dell’e-commerce hanno costretto i retailer tradizionali a rivedere le proprie strategie – l’accordo porterà alla creazione di uno dei gruppi di punta del retail nel Paese – sia esso grocery e non-food – con un fatturato totale calcolato nel 2017 a 51 miliardi di sterline. 

 

Sainsbury's

Il grafico mostra la quota di mercato del gruppo Sainsbury’s – Asda a confronto con i competitor (Fonte: The Guardian – Kantar World Panel)

L’accordo non porterà ad alcun stravolgimento delle insegne, che rimarranno intatte nelle loro peculiarità che le rendono riconoscibili e apprezzate dai consumatori. Dal punto di vista della presenza sul territorio, la fusione permetterà di integrare la rete di oltre 2.800 negozi tra Sainsbury’s, la sua sussidiaria Argos e Asda, con l’ulteriore vantaggio di vedere potenziata la presenza nell’e-commerce attraverso i siti web collegati. Il tutto – calcola il gruppo – ammonterebbe a circa 47 milioni di transazioni totali alla settimana. 

 

Per quanto riguarda infine le promesse di Sainsbury’s e Walmart, se le prime sono nei confronti dei clienti – ai quali si prospettano sconti del 10% su diversi prodotti -, le seconde sono invece rivolte ai lavoratori, che vengono rassicurati dall’azienda: “Al momento – sottolinea il comunicato congiunto – non è in programma alcuna chiusura di punti vendita conseguente alla fusione”.

 

Allo stesso tempo – come riporta oggi il Financial Times – alcuni analisti sono però convinti che le norme antitrust sulla concorrenza potrebbero spingere Sainsbury’s-Asda a cedere fino al 15% del fondo per veder garantita l’approvazione normativa. Intanto le borse brindano al nuovo accordo, portando le azioni di Sainsbury’s – nella mattinata di lunedì 30 aprile – ad un balzo del 20%.

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo