L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Solinda si conferma leader nelle mini angurie seedless. il punto con Andrea Peviani

            Solinda_Peviani

            La mini anguria Solinda di Peviani

            Solinda è presente sugli scaffali della grande distribuzione italiana da 14 anni e si conferma leader nel mercato delle mini angurie, grazie a un mix di caratteristiche che ne fanno un must per distribuzione e consumatore finale. Facilmente trasportabile grazie al peso ridotto, è priva di semi, è dolce e croccante, ha una buccia sottile che si traduce in una elevata resa di prodotto. Abbiamo fatto il punto con Andrea Peviani, direttore commerciale di Peviani Spa, azienda con sede principale a Siziano (PV) che ha l’esclusiva di produzione e commercializzazione di Solinda per l’Italia

            Dalla Redazione

            Solinda_Peviani

            La mini anguria senza semi Solinda, un’esclusiva di Peviani

            Facciamo il punto sul progetto Solinda: quando è nato, dove è arrivato e dove potrebbe arrivare?

            Il progetto Solinda nasce con i primi test commerciali agli inizi degli anni 2000 e vede la sua presentazione ufficiale sul mercato nel 2006 divenendo un vero punto di riferimento per il mercato delle mini angurie seedless. Da allora abbiamo iniziato un percorso per identificare gli areali più idonei alla coltivazione e un attento lavoro di formazione e selezione dei produttori. Questo ci ha permesso di mettere a punto le migliori tecniche agronomiche e grazie ad una rigorosa selezione del prodotto oggi possiamo garantire la presenza di Solinda sugli scaffali dalla fine di aprile sino alla fine di settembre con caratteristiche organolettiche eccellenti e costanti in termini di dolcezza e croccantezza.

            Sono passati quattordici anni dall’inizio di questo progetto tutti tesi a fornire un prodotto eccellente, gradito ai consumatori e che risulti soddisfacente anche per i produttori agricoli, nonostante le basse rese ad ettaro. Consideriamo il progetto Solinda tuttora in evoluzione e in grado di dare ancora molte soddisfazioni. Dal nostro lavoro di ricerca e valutazione varietale possiamo affermare che oggi Solinda, nella fascia premium dell’offerta, rimane uno dei prodotti più interessanti  e il mercato ne riconosce il valore. Far conoscere il brand Solinda di Peviani è stato il nostro impegno in questi anni e questo si è tradotto in un costante incremento delle superfici coltivate per soddisfare le richieste del mercato.

            Campagna 2019: come si presenta e quali sono le aspettative da un punto di vista qualitativo e quantitativo?

            La campagna angurie italiana si presenta medio tardiva, purtroppo le basse temperature di maggio e le forti precipitazioni, con grandinate sparse,  che hanno colpito le regioni del Sud Italia, hanno condizionato le quantità delle produzioni di giugno. Prevediamo che la situazione rientrerà nella normalità a partire dal mese di luglio con buone disponibilità di prodotto e qualità eccellente.

            Quali sono i plus di Solinda per la distribuzione e il consumatore?

            Per la distribuzione, sicuramente il principale plus di Solinda è che si tratta di una vera mini anguria con diametro massimo di 15 cm e un range di peso compreso fra 1,5 Kg e 2,9 Kg, la disponibilità dei calibri più richiesti (7 e 8 pezzi) è costante nell’arco di tutta la stagione. Per il consumatore sono diversi gli aspetti apprezzati: l’assenza di semi, la ridotta dimensione che ne facilita il trasporto e il consumo, il colore intenso e la dolcezza associata alla croccantezza la rendono estremamente appetibile,  inoltre la presenza di un buccia estremamente sottile offre una elevata resa di prodotto. La nostra rigorosa selezione in fase di raccolta e gli attenti controlli effettuati in fase di confezionamento ci permettono di garantire la presenza di queste caratteristiche distintive in tutti i nostri frutti e questo fa sì che il consumatore impari a conoscere Solinda  e la cerchi nel punto vendita.

            Copyright: Fruitbook Magazine