L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Syngenta nel mirino di Monsanto. Possibile takeover da 40 miliardi di dollari

            Syngenta hp
            Da alcune settimane si rincorrono le voci di un interesse di Monsanto per la società svizzera Syngenta. Gli americani, che operano nello stesso settore, potrebbero essere mossi dalla convenienza del sistema finanziario svizzero. Tuttavia gli impedimenti regolamentari potrebbero ostacolare l’operazione

             

            SyngentaÈ stata Bloomberg, il 24 giugno, giorno in cui le azioni Syngenta sono salite di quasi il 5 per cento alla borsa di Zurigo, a riferire che Monsanto sta valutando l’acquisizione di Syngenta per 40 miliardi di dollari, che equivalgono a un prezzo pari a 386 franchi svizzeri per azione, il che significherebbe un upside del 15 per cento rispetto al prezzo di chiusura di ieri. A quanto pare Monsanto e Syngenta hanno tenuto pochi mesi fa dei colloqui preliminari con i rispettivi consulenti su una possibile fusione prima che il management della società svizzera si opponesse alle negoziazioni.

             

            Dagli incontri sembra infatti che siano emerse preoccupazioni circa la possibili sinergie, i problemi di antitrust, oltre al fatto che Monsanto si dovrebbe trasferire in Svizzera per ragioni fiscali, proprio mentre i politici americani cercano di chiudere la scappatoia, eliminando in tal modo i benefici. Per l’analista di Kepler Cheuvreux, Martin Roediger, questa febbre da takeover che si è generata intorno al titolo Syngenta sembra esagerata perché è improbabile che questo accordo possa andare in porto. Infatti i problemi di concorrenza impedirebbero una fusione. Kepler ha confermato la raccomandazione hold con un target price a 340 franchi svizzeri su Syngenta.

             

            Fonte: Milano Finanza