L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Tango Fruit, il mandarino di cui tutti parleranno. Provare per credere

            Tango-Fruit-Spreafico-Esselunga-2020

            Confezioni di Tango Fruit in vendita in un supermercato italiano

            Tango Fruit. Non sarà una delle tante meteore del settore ortofrutticolo. Si è fatto spazio in punta di piedi sui banchi dei supermercati e dei fruttivendoli. Ma per chi lo ha provato è già una garanzia. La promessa è ben evidenziata nell’originale confezione 100% di cartoncino – “dolce, facile da sbucciare, senza semi” – così come il ricco contenuto di vitamina C e la caratteristica di essere “bee friendly” (amica delle api). Tra i plus c’è anche la disponibilità che dal 2021 sarà per 365 giorni l’anno grazie alle produzioni scalari di Italia, Spagna, Sudafrica, Cile e Perù. Abbiamo chiesto a Spreafico, distributore esclusivo per l’Italia, di darci alcuni dettagli su questo frutto straordinario

            Dalla Redazione

            Tango-Fruit-Spreafico-Esselunga-2020

            Confezioni di Tango Fruit in vendita in un supermercato italiano

            Siete distributori esclusivi in Italia di Tango Fruit, quando è iniziata la commercializzazione e che programmi avete in termini di calendario di offerta, origini e canali di vendita?

            Spreafico: “Tutte le attività di commercializzazione sono state avviate a metà febbraio grazie anche alla presentazione ufficiale della nostra collaborazione con la società spagnola Eurosemillas, titolare del progetto, in occasione della fiera Fruit Logistica di Berlino. Il nostro è un progetto di lungo termine, con l’obiettivo di offrire in maniera continuativa Tango Fruit a scaffale tutto l’anno. Il prodotto, principalmente, avrà origine Spagna e Sudafrica, zone in cui sono presenti già numerose piantagioni di mandarino senza semi varietà Tang Gold. Tra dicembre e gennaio offriremo anche prodotto origine Italia, a cui seguirà la stagione spagnola. Nel periodo estivo, l’origine Sudafrica sarà la principale, con anche prodotto del Cile e del Perù a supporto. Abbiamo scelto di distribuirlo sia nel canale GDO che nei mercati tradizionale e riteniamo che il mandarino Tango possa soddisfare il gusto del consumatore di tutta Italia”.

            Come ha accolto il consumatore italiano Tango Fruit?

            Spreafico: “Il prodotto è stato apprezzato sin da subito sia da parte del trade che dal consumatore, per le sue qualità uniche di dolcezza, facilità di consumo e per il suo essere senza semi: siamo soddisfatti dell’impatto sul mercato. Quest’anno abbiamo iniziato la commercializzazione proprio con l’origine Spagna. Solamente dal prossimo anno potremo avere i primi confronti con i mandarini prodotti sul territorio nazionale: in Italia siamo ancora in una fase embrionale di sviluppo in termini di ettari coltivati rispetto alla produzione spagnola”.

            Mandarino o clementina? Che differenza c’è tra Tango Fruit e Tang Gold?

            Spreafico: “La definizione corretta è mandarino senza semi, Tang Gold è il nome della varietà. La qualità superiore di Tango Fruit è garantita dalla super selezione che la marca garantisce: non tutti i mandarini Tang Gold possono farne parte, ma solo i migliori! Gli standard qualitativi Tango Fruit sono più elevati in termini di grado brix, proprietà organolettiche, qualità estetica. Senza dimenticare il consistente impegno di marketing pianificato per far conoscere il brand tutto l’anno, a sostegno delle uscite a scaffale”.

            Sul pack si legge Bee Friendly, cosa significa in concreto?

            Spreafico: “Il processo di impollinazione delle api può causare la presenza di semi negli agrumi. Nella varietà Tango, invece, l’impollinazione delle api non fa comparire semi nel frutto: in questo modo, i coltivatori non devono preoccuparsi di prevenire questo processo naturale con reti, pesticidi… Perciò, i nostri mandarini convivono con naturalezza con le api, a differenza di altre varietà: ci piace pensare che questi importantissimi animali possano ronzare liberamente attorno ai nostri alberi compiendo questo fondamentale processo di impollinazione delle altre specie …forse per questo i mandarini Tango sono tanto dolci!”

            Copyright: Fruitbook Magazine