L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Clara, la cipolla dolce di Andrea Plafoni protagonista nei mercati ortofrutticoli

            Clara è una cipolla dolce, a bassissimo contenuto di acido piruvico e ad elevata concentrazione d’acqua, distribuita dall’azienda di Cologna Veneta (VR) Andrea Plafoni. L’impatto delicato e gradevole sia all’olfatto che al palato rende questo prodotto perfetto per tutti gli utilizzi in cucina, come ha mostrato al CAR di Roma lo chef Fabio Campoli, nello show cooking realizzato il 18 ottobre scorso. La prossima tappa sarà al mercato ortofrutticolo di Verona. L’azienda, presente nei principali centri agroalimentari italiani e in alcune insegne della Gdo, sta investendo in comunicazione per parlare anche al consumatore finale e raccontare le caratteristiche esclusive di questa cipolla, che non fa lacrimare e non lascia un retrogusto sgradevole in bocca

             

            di Carlotta Benini

             

            clara cipolla dolce andrea plafoni

            Clara, la cipolla dolce di Andrea Plafoni che non fa lacrimare e non lascia alito cattivo

            Si chiama Clara ed è una cipolla esclusiva, a bassissimo contenuto di acido piruvico e ad elevata concentrazione d’acqua: caratteristiche, queste, che la rendono ideale anche per i palati più delicati, a cui regala un sapore squisito e gentile. È la cipolla dolce di Andrea Plafoni, protagonista il 18 ottobre scorso di uno show cooking al Centro Agroalimentare di Roma curato dallo chef Fabio Campoli, volto noto del piccolo schermo (Alice Tv, La prova del cuoco). L’iniziativa, che si è svolta negli spazi di Gagliardi A&V all’interno del CAR, è stata l’occasione per offrire ai visitatori del mercato uno sguardo nuovo e diverso sull’uso della cipolla dolce a tavola, esaltata dai piatti realizzati sul momento  dallo chef. “Clara è una cipolla dolce, con un impatto molto gradevole sia al palato che all’olfatto: – spiega il titolare dell’azienda, Andrea Plafoni – Non ha infatti un sapore pungente e non lascia in bocca un cattivo retrogusto, è altamente digeribile e inoltre non fa lacrimare. Per questo si adatta a molteplici utilizzi in cucina, ideale da consumare sia cruda che cotta”.

             

            chef Campoli cipolla dolce show cooking

            Lo chef Fabio Campoli durante lo show cooking al CAR di Roma

            Perché la cipolla dolce si chiama Clara? “Questo nome spagnoleggiante ricorda l’origine del prodotto e si inserisce nel solco di un lavoro di immagine coordinata che ha portato la nostra azienda a ‘umanizzare’ i propri prodotti di punta. Ogni varietà di cipolla commercializzata, infatti, è stata associata a un personaggio disegnato a mano, definito in base alle caratteristiche del prodotto”, spiega Andrea Plafoni. Clara è una cipolla di elevata qualità, prodotta da Jumosol, azienda spagnola situata nella valle dell’Ebro in Spagna (leggi qui) e distribuita da Plafoni. L’azienda spagnola ha anche una produzione in Perù, per questo è in grado di garantire la disponibilità di prodotto per tutti i 12 mesi dell’anno.

             

            Plafoni cipolla dolce Clara CAR Roma

            Clara è presente nei mercati ortofrutticoli e sarà presentata con nuove iniziative promozionali

            La cipolla dolce di Andrea Plafoni è presente in tutti i principali centri agroalimentari italiani, da nord a Sud e in alcune insegne della grande distribuzione. L’azienda per la prima volta sta investendo fortemente in comunicazione, sia visiva (con un nuovo sito e la presenza sui social network) che promozionale, con iniziative come quella organizzata al Car di Roma. “Il nostro approccio fino ad oggi era B2B, ora vogliamo parlare al consumatore finale e raccontargli le caratteristiche esclusive della cipolla dolce Clara. – sottolinea il titolare dell’azienda, Andrea Plafoni – Lo faremo anche in una prossima tappa con show cooking al mercato ortofrutticolo di Verona, con l’obiettivo di realizzare presto iniziative di questo tipo anche nei punti vendita della Gdo”.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine