L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Cosmic Crisp, la mela “stellare” che dura più di un anno debutta nel mercato Usa

            Cosmic Crisp, il brand della varietà di mela WA38 sviluppata dalla Washington State University, ha debuttato il primo dicembre nei mercati americani con circa 3.200 tonnellate. Si tratta di un incrocio tra Enterprise e Honeycrisp, quest’ultima una delle mele di maggior successo negli Stati Uniti. Queste le caratteristiche: pezzatura grande, succosa, struttura soda e croccante, lenta a imbrunire quando tagliata, gusto eccezionale, dolce e leggermente acidulo, si conserva per oltre 12 mesi mantenendo intatte le sue caratteristiche. I consorzi VOG e VI.P hanno l’esclusiva per l’Europa e i Paesi mediterranei, con un programma di 500 ettari. I primi impianti avverranno quest’anno ma per i primi volumi commerciali significativi bisognerà aspettare il raccolto 2021

            Dalla Redazione

            Cosmic Crisp

            Dal profilo Facebook di @CosmicCrisp

            Cosmic Crisp, mela dal marchio registrato selezionata dalla Washington State University – WSU, è ufficialmente entrata in commercio dal primo dicembre negli Stati Uniti con circa 3.200 tonnellate. Cosmic Crisp è frutto di oltre vent’anni di ricerche e innesti, le prime ricerche infatti risalgono al 1997. Varietà rossa, la Cosmic Crisp è un incrocio tra Enterprise e Honeycrisp, la varietà di mela di maggior successo negli Stati Uniti da molti anni a questa parte. Il suo nome è dovuto alle lenticelle chiare presenti sulla superficie della mela, che assomigliano a delle stelle nello spazio. La conservabilità è eccezionale, si parla di oltre 12 mesi se conservata nelle celle frigorifere in atmosfera controllata.

            Questa mela gode dei più grandi investimenti che si siano mai visti su una singola varietà di mela. Come riporta il Post, lo Stato di Washington ha finora speso 10 milioni di dollari per il marketing della nuova Cosmic Crisp, confidando in questo modo di attirare l’attenzione dei consumatori e favorire da subito le vendite del nuovo prodotto. Il termine stesso “Cosmic Crisp” è un marchio registrato, e non potrà quindi essere utilizzato dai produttori senza un permesso esplicito. Le prime piantagioni di Cosmic Crisp sono state realizzate nello Stato di Washington nel 2017, con ordini successivi per un totale di più di 12 milioni di alberi. Si stima che finora siano stati piantati oltre 13 milioni di meli Cosmic Crisp e, come riporta La Repubblica, vista la grande attesa, gli agricoltori confidano di raggiungere 21 milioni di confezioni entro il 2020.

            Cosmic Crisp

            Prime mele Cosmic Crisp in vendita a Washington (dal profilo Facebook di @CosmicCrisp)

            E in Italia? Da anni i consorzi VOG VI.P stanno seguendo il lavoro di ricerca della WSU e il programma di breeding del team diretto da Bruce Barrit. Quando si è presentata l’occasione di siglare un accordo di esclusiva per la nuova varietà WA38, i due consorzi altoatesini non hanno esitato un solo momento. Così, dal maggio 2016, VOG e VI.P detengono i diritti esclusivi di produzione e commercializzazione della varietà e dell’utilizzo del brand Cosmic Crisp per l’Unione Europea, l’Europa Orientale e i Paesi mediterranei. La scorsa primavera sono stati messi a dimora i primi impianti commerciali in Alto Adige, tranche iniziale di un progetto ambizioso di 500 ettari totali. I primi test sul mercato nazionale si svolgeranno nell’autunno 2020, per poi proseguire con crescenti volumi commerciali dalla campagna 2021-22.

            Cosmic Crisp

            (copyright: AP Photo/Elaine Thompson)

            “Siamo orgogliosi di essere stati scelti dalla WSU e dal variety manager internazionale PVM, come primi partner al di fuori degli Stati Uniti per sviluppare questa ottima mela. Cosmic Crisp racchiude in sé tutti gli attributi di una mela moderna: gusto fresco ed equilibrato, dolce e leggermente acidulo, croccantezza e succosità”, ci ha riferito Gerhard Dichgans, direttore VOG (leggi qui). “Cosmic Crisp eccelle per conservabilità e shelf-life, saremo dunque in grado di offrire questa mela anche nella seconda parte della stagione e durante i mesi estivi, perfetta compagna delle nostre migliori Golden di montagna”, ci ha spiegato Fabio Zanesco, responsabile marketing e commerciale di VI.P.  I due consorzi – ci hanno dichiarato i rispettivi responsabili – sono entusiasti di poter contribuire a questo progetto internazionale, che porterà Cosmic Crisp a diventare una della prossime “star” nel mondo delle mele.

            Copyright: Fruitbook Magazine