L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            “la Esse”, il nuovo format sperimentale di Esselunga debutta a Milano

            Nuova, storica apertura a Milano per Esselunga, che il 4 dicembre ha inaugurato in corso Italia “la Esse”, un nuovo format sperimentale che propone inediti canoni nell’esperienza di acquisto. Si tratta di un punto vendita dal concept simile a quello di un negozio di vicinato, con in più una proposta smart e omnicanale. Una sorta di locale multifunzione con dieci vetrine, che combina bar, cucina, market dei freschi e dei freschissimi e le opzioni Clicca&Vai e Locker per la spesa on-line

            Dalla Redazione

            Esselunga la EsseIl concept ricorda quello di un negozio di prossimità, ma la shopping experience è speciale e si sviluppa attraverso un percorso omnicanale, dove fisico e digitale si integrano e si arricchiscono reciprocamente. Si chiama “la Esse” ed è il nuovo format sperimentale di Esselunga, che ha fatto il suo debutto a Milano in corso Italia mercoledì 4 dicembre, pochi giorni dopo l’apertura , dopo l’apertura a Brescia del Superstore futuristico di via Triumplina (leggi qui).

            Il nuovo punto vendita – così come quello di Brescia – rappresenta un’ulteriore evoluzione dell’esperienza di acquisto della nuova “Food Company” che è oggi Esselunga. Il negozio, come riporta Dissapore si sviluppa su tre piani per un totale di 400 metri quadrati: l’assortimento conta circa 2500 referenze.

            “La nuova insegna è stata ideata – fa sapere Esselunga – per rispondere alle nuove abitudini di acquisto: offre infatti al cliente un’esperienza omnicanale concentrata all’interno dello stesso negozio fisico, che soddisfa le esigenze di spesa quotidiana, completa oppure di fruizione in loco. Nel bar del negozio, con la sua cucina a vista, è possibile consumare un pasto comodamente seduti o bere un caffè gustando i prodotti della pasticceria Elisenda”.

            Al piano terra, oltre al bar, si trova una grande disponibilità di prodotti freschi e piatti pronti; al piano interrato è invece presente l’area che riprende il format del negozio di vicinato. Qui c’è anche il reparto ortofrutta, versione smart: le bilance infatti non rilasciano la classica etichetta adesiva ma un tag Rfid in modo da rendere l’acquisto più veloce.

            L’area ristorazione prende posto al primo piano. La multicanalità è garantita sia dalla formula Clicca&Vai sia dalla presenza del Locker Esselunga; non è invece prevista, almeno per il momento, la consegna a domicilio.

            Copyright: Fruitbook Magazine