L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            La Trentina, nuova immagine e posizionamento. “Strategica l’alleanza con Melinda”

            Sono stati presentati in anteprima a Madrid durante la seconda giornata di Fruit Attraction 2019 il nuovo brand e l’immagine fresca di restyling del consorzio melicolo La Trentina, partner di Melinda. L’alleanza tra i due produttori, a un biennio dalla firma, si conferma essere una scelta vincente per valorizzare il reciproco know-how e tutelare la qualità della frutticoltura trentina

            Dalla Redazione

            La Trentina meleIl marchio della “frutta di famiglia” si veste di nuovo. laTrentina” si propone oggi come “brand del gusto trentino, buono e genuino come la sua terra”, a sottolineare come il nuovo driver di posizionamento sia sempre più la qualità e il forte legame con il territorio d’origine dei propri prodotti: il Trentino. Mele, per la maggior parte, ma anche kiwi, susine, ciliegie, patate e asparagi che verranno promossi sia nei canali tradizionali di vendita (mercati ortofrutticoli, GDO, normal trade) che, attraverso un brand ambassador, nel canale Ho.Re.Ca. Tutto questo per elevare il percepito della marca, legandola ancora di più al territorio e coinvolgendo il consumatore in un circolo virtuoso di attività di cui il brand sarà protagonista. La nuova veste de La Trentina è stata presentata in anteprima internazionale mercoledì 23 ottobre a Madrid, in occasione dell’11esima edizione di Fruit Attraction, a cui il consorzio partecipa in uno spazio condiviso (stand APOT – Pad.8, 8E08) insieme al partner Melinda (leggi qui).

            Chi oggi sceglie “laTrentina”, sceglie la frutta che si chiama come la terra buona e genuina di cui è figlia. Ogni prodotto porterà con sé il gusto trentino e rappresenterà l’autentico mondo contadino che lo ha coltivato, con tanta passione, ma anche con la professionalità di coloro che da sempre svolgono questo mestiere. Ecco quindi che il marchio da blu diventa verde, il colore che ricorda la natura da cui nascono questi frutti e ortaggi, e si completa con un segno grafico che riproduce un cesto di frutta e verdura colorata: un’ampia gamma dedicata a coloro a cui piace mangiare sano e genuino, prendendosi cura di sé partendo dalle buone abitudini a tavola. Il nuovo claim rafforza poi l’importante legame del brand con la sua terra di origine, ed è espressione della semplicità contadina  “laTrentina”: “Buona come la sua terra”.

            La Trentina presidente

            Da sinistra i presidenti Michele Odorizzi (Melinda) e Rodolfo Brochetti (La Trentina)

            Anche i packaging sono stati rinnovati e la loro grafica è caratterizzata dalla naturalezza del color kraft tipico del cartone naturale di cui sono costituiti. Una scelta che oltre all’aspetto estetico, ha dato importanza anche a quello ambientale, grazie alla riduzione della superficie stampata, quindi all’utilizzo di meno inchiostri.

            Il processo di rebranding prevede la realizzazione di altre attività e materiali che vadano a valorizzare la nuova brand image: tra queste la realizzazione di oggetti promozionali come penne, spicchia-mele e borse in R-Pet ecologiche per la spesa affinché il consumatore abbia sempre più occasioni di incontro con il nuovo marchio laTrentina. Un nuovo posizionamento e un nuovo volto per il marchio, che vuole essere all’altezza della qualità dei prodotti che rappresenta e che si pone come obiettivo la valorizzazione dei frutti di un territorio d’eccellenza come il Trentino.

            A proposito dell’alleanza con Melinda, a due anni dalla firma dell’accordo i due consorzi melicoli rilanciano sull’importanza di un sodalizio che si è rivelato non solo funzionale a livello tattico e commerciale, ma anche strategico. E il palcoscenico della fiera di Madridè sicuramente il luogo idoneo dove ribadire il ruolo delle sinergie nell’ottica di una politica di sviluppo e di rafforzamento reciproco. Una collaborazione, quella fra Melinda e La Trentina, che si è dimostrata significativa anche per tutto il comparto melicolo trentino. “Due anni sono il periodo minimo per tracciare un primo bilancio, che ritengo certamente positivo – dichiara il direttore generale di entrambi i consorzi Paolo Gerevini -. Ne sono derivati molteplici vantaggi per entrambe le compagini sociali, dal miglioramento della gestione delle vendite e del servizio al mercato all’ottimizzazione delle risorse interne, oltre ad essere stata l’occasione di una ridefinizione coordinata dell’assetto varietale che risulta in questa fase l’aspetto strategico principale sulla base del quale programmare al meglio le coltivazioni del prossimo futuro”.

            L’aggregazione, del resto, fa la forza: consente di ottimizzare l’intera filiera per fronteggiare le sfide future e i cambiamenti globali che il food, come altri settori, sta vivendo. La Trentina ritiene dunque questa alleanza strategica per perseguire obiettivi di grande significato, a favore di una qualità garantita.  L’accordo è frutto di un percorso meditato e condiviso con le cooperative del Consorzio, volto a ottenere una maggior sostenibilità e stabilità economica per i soci frutticoltori. Ciò anche a fronte di un quadro melicolo internazionale che vede in costante crescita le produzioni, e una clientela che, soprattutto nel canale GDO, registra sempre maggior concentrazione. Un progetto dagli interessi e obiettivi condivisi internamente alle due realtà territoriali, volto al miglioramento continuo delle produzioni.

            Copyright: Fruitbook Magazine