Macfrut-Innovation-Award-2019-cover-858×644

Macfrut Innovation Award (Mia) 2019: ecco i big dell’ortofrutta premiati. 19 le medaglie


Otto medaglie d’oro, sette d’argento e quattro di bronzo premiano i prodotti, i packaging, i macchinari e le soluzioni più innovative dell’anno nel settore ortofrutticolo nazionale. Sono gli “oscar” del Macfrut Innovation Award (Mia) 2019, che saranno consegnati a Macfrut alla Fiera di Rimini il prossimo 8 maggio (ore 14.30, Conference Room pad. B2). Sul podio troviamo aziende come Agricola Campidanese con il Melone Corallo, Apofruit con i Buoninsieme Solarelli, Turatti con Vortex 150, Unitec con Uniq Kiwi e Sipo per Pesto Fresco: ecco tutti i premi in dettaglio

 

Dalla Redazione

 

Macfrut Innovation Award 2019È sempre più trasversale l’innovazione del settore ortofrutta, un mix tra intelligenza artificiale, software, connessioni, sensori, ricerca e sviluppo che proiettano gli agricoltori verso un futuro sempre più green e attento all’evoluzione dei gusti del consumatore. Questa l’istantanea di Macfrut Innovation Award (Mia) 2019, il premio organizzato da Cesena Fiera e L’Informatore Agrario, che per la sua quinta edizione premia le 19 soluzioni con il più alto tasso di progresso in tema di funzionalità, utilizzazione, concezione tecnica, impatto ambientale, qualità e sicurezza dei prodotti.

 

“L’ortofrutta è uno dei settori più innovativi nel panorama agroalimentare – spiega Renzo Piraccini, presidente di Macfrut -. La riprova è nelle aziende premiate in questa quinta edizione, con proposte di assoluto livello mondiale, novità che potranno essere toccate con mano nei tre giorni di Macfrut”. “Anche in questa edizione – commenta Antonio Boschetti, direttore de L’Informatore Agrario, storico settimanale dell’omonima casa editrice veronese – Macfrut Innovation Award evidenzia un settore che vuole reagire alla crisi innovando, soprattutto in quei comparti ad alto valore aggiunto per l’intera filiera. Ancora una volta ricerca, sviluppo e big-data sono le chiavi di competitività di un settore che in Italia vale attorno ai 12 miliardi di euro, di cui quasi 4,9 miliardi di export nel 2018”.

 

Macfrut Innovation Award 2019Nello specifico, per le otto categorie in gara, la commissione tecnica del Premio ha assegnato otto medaglie d’oro, che saranno consegnate mercoledì 8 maggio (ore 14.30, Conference Room pad. B2) nel corso di Macfrut (Rimini Fiera, 8-10 maggio). A salire sul podio nella sezione “Sementi e cultivar” è il Melone Corallo (O.P. Agricola Campidanese in provincia di Oristano) che incrocia il colore della varietà Piel de Sapo con il gusto dolcissimo del melone Charentais. Oro anche per Biozon (Multiossigen S.p.A., Gorle – BG; categoria agrofarmaci e fertilizzanti), l’olio vegetale trattato con ozono, una sostanza corroborante (ovvero in grado di esaltare la capacità di resistenza della pianta alle avversità, malattie comprese) a impatto ambientale zero, utilizzabile anche in agricoltura biologica. È ready-to-eat lo snack con medaglia d’oro che abbina 100gr di frutta e verdura già lavate a varie tipologie di formaggio: Buoninsieme Solarelli è un’idea nata dalla collaborazione di due aziende romagnole, Apofruit Italia e Antica Cascina (FC). Spazio alle innovazioni per la IV gamma anche nella categoria “Strutture e attrezzature per le colture protette” con Hoover Crab (Hortech S.r.l., Agna – PD), il potente aspiratore che si guadagna il riconoscimento più alto per il sistema di pulizia di colturali e di foglie.

 

Sul fronte “Logistica e servizi”, Opi (Evja S.r.l., Acerra – NA) vince la selezione per il supporto intelligente che ottimizza il ciclo colturale prevenendo anche le malattie delle piante con l’utilizzo combinato di Internet of things (sensori in campo che trasferiscono dati in tempo reale ad un software), intelligenza artificiale e modelli agronomici. Anche il packaging sfila al Macfrut Innovation Award e assegna il primo premio al vassoio “con airbag” per la frutta delicata o ready-to-eat: è il Soft Fruit Protector (Ilip, Valsamoggia – BO) che ammortizza urti e sollecitazioni preservando l’integrità del frutto. Si basa su due brevetti internazionali il funzionamento di Vortex 150, la centrifuga per l’industria alimentare che asciuga anche prodotti delicati come ad esempio le baby leaf senza comprometterne la qualità (Turatti, Venezia). È austriaco l’oro della categoria “Macchine e attrezzature per l’ortofrutta”: Mobilab analizza substrati e rileva nitrati e ammonio in diverse matrici come suolo, foglie e acqua offrendo un’analisi a costi contenuti e un alto livello di precisione, paragonabile ai metodi di laboratori standard (Werksweg, Weiz – Austria).

 

Macfrut Innovation Award 2019Le medaglie d’argento sono sette: una va a Sipo per Pesto Fresco, la linea di salse pronte di verdure 100% al naturale, di buona spalmabilità e consistenza; una a Apofruit, Cericola e La Mongolfiera per il progetto carciofo di alta qualità Violì; una a Irritec per Exxtreme Tape è un’ala gocciolante leggera con doppio filtro continuo interno. Argento anche a Unitec con Uniq Kiwi, un sistema hi-tech in grado di svelare le caratteristiche della polpa del frutto e le qualità organolettiche. Le altre aziende che si classificano al secondo posto sono: Ortoflorovivaistica di Fratelli Simonato con Bio Kepos 3, il nuovo packaging rispettoso dell’ambiente realizzato per contenere piantine aromatiche biologiche, Polymer Logistics con Smart IoT Tracker, un sistema integrato di dispositivi (smart box) e di un software di gestione che permette il monitoraggio degli imballaggi e delle condizioni di trasporto dei prodotti ortofrutticoli; Agriges con I’m calcio, una miscela che rappresenta un’alternativa naturale ai prodotti a base di microelementi;

 

La medaglia di bronzo va ad altre quattro aziende: Gierre Pack con Fiber Film, un film estensibile LLDPE, 100% riciclabile, capace di abbattere gli utilizzi dei comuni materiali su tutte le macchine attualmente esistenti per la fasciatura dei bancali, riducendo drasticamente l’impiego di plastica; AgriCoat Natureseal con Natureseal, miscele di vitamine e minerali progettate per prolungare la durata di conservazione di frutta e verdura fresca; Revotree per l’omonima piattaforma hardware e software per l’agricoltura di precisione; L’Ortolano srl per SAT 18113 F1, una melanzana striata che, rispetto alle altre varietà di questa tipologia, si adatta molto bene non solo al ciclo primaverile estivo, ma anche a quello invernale grazie all’ottima resistenza alle basse temperature.

 

La regione più premiata è l’Emilia Romagna, che conta 7 medaglie, seguita da Lombardia e Veneto a parimerito con 3 medaglie ciascuna. Campania (2 medaglie), Puglia (1), Sardegna (1) e Sicilia (1) chiudono i Mia per la parte italiana, mentre 2 riconoscimenti volano all’estero in Austria e Regno Unito.

 

Copyright: Fruitbook Magazine





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo