L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Selex supera i 10 miliardi di fatturato. Spazio a innovazione e vendite online

            Il gruppo distributivo chiude un consuntivo 2016 a 10,35 miliardi, con una crescita del + 4% rispetto al 2015. Con le insegne Famila, A&O e C+C e i vari brand regionali, spesso leader sul territorio, Selex si conferma terzo retailer nazionale, con oltre 2.500 punti vendita in tutte le regioni. Previste entro la fine dell’anno 57 nuove aperture per l’azienda , che investe in innovazione e punta a soddisfare i nuovi bisogni dei consumatori. Cresce la private label, con picchi di vendita per i segmenti bio, salutistico e premium, e si ampliano, all’interno dei supermercati, i reparti più vicini alle esigenze di salute e benessere. E l’e-commerce, con il nuovo servizio CosìComodo, si conferma una scelta vincente. Sul fronte delle vendite online l’ultima novità arriva nel veronese, con l’accordo fra Famila e Supermercato24 per la consegna della spesa a domicilio sette giorni su sette

             

            Dalla Redazione 

             

            Con oltre 2.500 punti vendita in tutta Italia Selex supera i 10 miliardi di fatturato

            Nonostante la deflazione dello scorso anno e i consumi che ancora stentano a ripartire, Selex archivia un altro bilancio positivo, consolidando la sua posizione al terzo posto tra i retailer nazionali. Il gruppo, con 15 imprese associate, è presente in tutta Italia con una rete commerciale formata da 2.542 punti di vendita e un organico di oltre 31 mila addetti. Le insegne più note e diffuse a livello nazionale sono Famila, A&O e C+C, cui si affiancano brand regionali spesso leader sul territorio. Nel 2016 il fatturato alla vendita del gruppo ha raggiunto 10,35 miliardi di euro, con un incremento del + 4% rispetto al 2015, e la quota di mercato è salita a 11,9% (I+S+Spt+Cash, IRI gennaio 2017).

             

            I numeri a segno più dell’ultimo esercizio sono stati presentati nel corso dell’assemblea generale Selex, che si è tenuta il 30 giugno a Bruxelles. Nell’occasione è stato condiviso con i soci anche l’andamento dei primi quattro mesi dell’anno 2017. Da gennaio a fine aprile il gruppo ha realizzato, a parità di rete di vendita, una crescita del +1,6%, che sale a + 2,7% considerando le nuove aperture. Dati che confermano la solidità delle imprese socie, attestando la loro espansione in tutte le regioni.

             

            Soddisfacente anche lo sviluppo della rete commerciale registrato nel primo semestre dell’anno, con l’apertura di 24 nuovi impianti dei complessivi 57 pianificati entro dicembre 2017. Anche alla luce di questi risultati, il Gruppo prevede per il 2017 un giro d’affari di 10,78 miliardi (+ 4,2% rispetto al 2016).

             

            “In un contesto che rimane di grande difficoltà e competizione – ha sottolineato Dario Brendolan, presidente di Selex – ci gratifica vedere che gli importanti investimenti fatti e la passione che, insieme ai nostri collaboratori, mettiamo nel lavoro quotidiano, sono premiati con la fiducia dei clienti. Credo che la chiave sia il radicamento nel territorio che le nostre imprese e le nostre insegne hanno costruito in questi anni, diventando un riferimento per qualità e affidabilità, prima ancora che per quota di mercato”.

             

            Per il 2017 le imprese del gruppo hanno stanziato più di 215 milioni di euro, finalizzati alle nuove aperture e alla ristrutturazione di oltre 50 unità esistenti, ma anche a interventi finalizzati a contenere l’impatto ambientale dei punti di vendita e a gestire le risorse energetiche in modo più efficiente.

            Cresce anche la private label di Selex, con oltre 5 mila referenze MDD


            Investimenti rilevanti anche sul fronte dell’e-commerce, con il lancio di CosìComodo
             il portale che raggruppa in un unico “contenitore” l’offerta di più insegne del Gruppo Selex (leggi qui). Il sito è in grado di offrire varie tipologie di servizi e di coprire tutto il territorio nazionale per diventare, in tempi brevi, il riferimento per gli utenti che vogliono comprare sul web prodotti alimentari confezionati e freschi e articoli per la cura di casa e persona. Già a pochi mesi dal suo esordio, lo scorso aprile, sta realizzando interessanti risultati, con un numero crescente di famiglie che fanno la spesa online.

             

            Parlando di vendite online, l’ultima novità in casa Selex è l’avvio della partnership, nel territorio veronese, fra Famila, insegna leader del gruppo, e Supermercato24, uno dei primi tre e-commerce grocery in Italia. L’accordo prevede la consegna a domicilio degli acquisti effettuati online dai cittadini scaligeri allo stesso prezzo del punto vendita: il servizio è attivo sette giorni su sette, dalle 9 alle 21, e permette di ricevere la spesa direttamente a casa o in ufficio a un costo di consegna 4,90 euro, con un minimo d’ordine di 10 euro e senza alcun canone aggiuntivo di iscrizione al servizio. In assortimento si sono oltre 11 mila referenze, tra cui più di mille articoli in offerta e 1.500 prodotti freschi e freschissimi, che Supermercato24 consegne direttamente a casa anche in giornata.

             

            Importanti novità anche sul fronte dell’offerta, con un deciso ampliamento, all’interno dei supermercati del gruppo Selex, dei reparti più vicini alle esigenze di salute e benessere espresse dai consumatori. Da sottolineare anche un significativo passo avanti nella specializzazione dell’assortimento dei prodotti a marca del distributore. Numerosi i lanci realizzati nel primo semestre del 2017, come la linea Vegetale 100% Selex, quella di semi e di nuove varietà di legumi secchi e l’articolata proposta di frutta secca e disidratata, con l’obiettivo di rendere l’offerta ancora più appetibile e in linea con le nuove istanze di consumo.

             

            Oggi i prodotti a marca del distributore superano le 5 mila referenze, considerando il marchio Selex, il marchio Vale, e le numerose linee specialistiche. Nel 2016 hanno segnato un incremento medio delle vendite superiore al 3%, ma con picchi del +15% nei segmenti bio, salutistico e premium, a testimonianza dell’apprezzamento crescente da parte della clientela.

             

            “Il 2016 e il 2017 ci confermano che la strada per continuare a crescere è quella della distintività e dell’eccellenza rispetto ai competitor – ha commentato Maniele Tasca, direttore generale di Selex – I clienti possono scegliere tra più formule e più insegne, noi dobbiamo farci scegliere per la specializzazione dei reparti strategici di ciascuna delle nostre insegne e continuare a rinnovare i negozi per aggiornarli ai nuovi trend”.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine