L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Allarme Coronavirus: le misure preventive adottate a Fruit Logistica

            FRUIT LOGISTICA 2019 - China -

            A pochi giorni dall’inizio di Fruit Logistica, crescono le domande e le preoccupazioni degli italiani (e non solo) in partenza per la fiera di Berlino circa la diffusione del Coronavirus, di cui sono stati accertati dei casi anche in Europa, Germania compresa. Mentre le autorità di Berlino assicurano che la situazione è sotto controllo, l’ente fieristico comunica di avere adottato misure straordinarie a tutela della salute dei visitatori e degli espositori. Ecco le precauzioni in atto durante Fruit Logistica; i visitatori e gli operatori del settore sono inoltre invitati a restare aggiornati in tempo reale sulle pagine social della manifestazione. Intanto il 29 gennaio diverse compagni aeree – la prima è ststa British Airways – hanno annunciato di aver annullato tutti i voli per e dalla Cina, mentre Starbucks ha chiuso oltre 2.000 caffetterie nel Paese e Toyota ha bloccato la produzione in tutti gli stabilimenti presenti in Cina

            Dalla Redazione

            Fruit Logistica Coronavirus

            Uno scatto dal padiglione dedicato alla Cina nel 2019 (copyright: Fruit Logistica)

            Si sta diffondendo in tutto il mondo l’allarme Coronavirus, i cui primi casi di contagio sono stati rilevati anche in Europa, compresa la Germania, dove nelle prossime settimane si svolgono due manifestazioni di riferimento per il settore ortofrutticolo: Fruit Logistica (Berlino, 5-7 febbraio) e Biofach (Norimberga, 12-15 febbraio). Parlando in particolare di Fruit Logistica, la più importante vetrina del settore a livello internazionale, crescono fra gli espositori, gli operatori e i visitatori italiani (e non solo) in partenza per la tre giorni berlinese le domande e le preoccupazioni circa i rischi di contagio, vista anche la partecipazione in fiera di un centinaio di espositori cinesi, di cui peraltro è in dubbio la presenza dato che le autorità di Pechino, per contenere l’epidemia, hanno sospeso a far data da lunedì 27 gennaio, tutte le prenotazioni alberghiere e i biglietti aerei dei cittadini cinesi per l’estero.

            Mentre le autorità tedesche hanno rilasciato nelle ultime ore una dichiarazione ufficiale in cui si garantisce che la nazione è ben preparata ad affrontare ogni eventualità, anche l’ente fieristico berlinese comunica di avere adottato misure di sicurezza per lo svolgimento di Fruit Logistica, a tutela della salute dei visitatori e degli espositori. La fiera risponde così anche alla lettera inviata i giorni scorsi da Fabio Massimo Pallottini, presidente di Italmercati, che per primo ha fatto presente la necessità di attivare delle misure preventive contro il Coronavirus in occasione della manifestazione.

            [Potrebbe interessarti anche: Nubi su Berlino. Quasi certa l’assenza della delegazione cinese]

            “Non ci aspettiamo alcun impatto sulla kermesse in programma alla fiera Messe di Berlino, ma per precauzione stiamo introducendo nuove misure per aumentare la sicurezza di tutti coloro che parteciperanno – precisa l’organizzazione di Fruit Logistica in una nota -. Per far fronte a qualsiasi evenienza in fiera sarà disponibile personale medico d’emergenza e altri professionisti del settore sanitario”. In tutti gli ingressi della fiera saranno posizionati dei dispositivi per la disinfezione delle mani, che si aggiungono a quelli già presenti presso i servizi igienici. Inoltre si sta incrementando in generale la frequenza di disinfezione ed igienizzazione dell’intera area fieristica.

            “Vi assicuriamo che stiamo monitorando attentamente la situazione e che siamo in costante contatto con le autorità sanitarie di Berlino – conclude la fiera -. Se qualcosa dovesse cambiare nella situazione attuale, seguiremo le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e delle autorità federali e statali preposte e prenderemo tutte le misure di sicurezza necessarie”. La fiera invita quindi i visitatori e gli espositori a seguire le pagine social di Fruit Logistica per essere aggiornati in tempo reale sulla situazione e ricevere tutte le informazioni utili. Intanto proprio il 29 gennaio diverse compagnie aeree – la prima è stata British Airways – hanno dichiarato di aver annullato tutti i voli da e per la Cina, mentre Starbucks ha annunciato la chiusura temporanea di oltre 2.000 caffetterie nel Paese e Toyota ha annunciato che la produzione cinese di autovetture è stata interrotta dal 29 gennaio fino al 9 febbraio.

            Copyright: Fruitbook Magazine