L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Amazon? Gasbarrino, U2: “Non stiamo più a guardare”. Innovazione cercasi

            “La partnership con Amazon Prime Now? Se non la avessimo fatta noi, ci avrebbe pensato qualcun altro”. Inoltre è meglio stare dalla parte di chi è più forte, quando non si ha sufficiente know how per guidare il cambiamento. Così Mario Gasbarrino, amministratore delegato di Unes, commenta le nuove strategie messe in campo dal gruppo distributivo che nel Nord-Est gestisce 190 punti vendita a insegna U2 Supermercato. In un botta e risposta sintetico ma schietto, in linea con la filosofia dell’azienda di cui è alla guida, la “controcorrente” della Gdo per eccellenza, il Ceo di Unes fa il punto anche sullo stato dell’arte del progetto Avancasse, lanciando un appello ai fornitori: “A.A.A. Idee innovative cercasi”

             

            di Carlotta Benini

             

            Gasbarrino2-950x633

            Mario Gasbarrino, Ceo di Unes, commenta le nuove strategie del gruppo e l’ingresso in Amazon

            Una resa di fronte a un gigante contro cui non si può competere, o piuttosto una scelta innovativa e lungimirante? Se parliamo dei Supermercati U2, l’aggettivo più adatto è “controcorrente”. Mario Gasbarrino, amministratore delegato del gruppo Unes, player di riferimento della Gdo in Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna, dove si contano 190 punti vendita a insegna U2, ha commentato in modo sintetico – ma con la schiettezza che contraddistingue il suo operato (e quello della sua azienda) – l’ingresso in Amazon Prime Now.

             

            Come abbiamo già spiegato (leggi qui), dal 7 luglio il colosso dell’e-commerce di Seattle consegna nelle case degli utenti che vivono a Milano e hinterland anche i prodotti dei supermercati del gruppo Unes e il bio dei punti vendita NaturaSì, tra cui i freschi e l’ortofrutta.

             

            Il nostro botta e risposta con Gasbarrino è stato anche l’occasione per fare il punto sullo stato dell’arte del progetto Avancasse Controcorrente (leggi qui), che prevede la sostituzione di dolciumi e snack ipercalorici con prodotti dietetici e salutari. E per lanciare un invito ai fornitori che volessero contribuire a promuovere salute e benessere quando si fa la spesa: “A.A.A. Idee innovative cercasi”

             

            L’amministratore delegato di Unes è stato protagonista, a maggio, di un interessante video (leggi qui) realizzato dagli studenti del corso di Food Marketing e Strategie Commerciali dell’Università Cattolica di Piacenza. Un’intervista doppia in cui si è confrontato con il Ceo di Conad Francesco Pugliese. Alla domanda “Amazon avanza e voi”?, Gasbarrino aveva risposto “Stiamo a guardare”.

             

            Schermata-2014-09-04-alle-13.58.47

            U2 Supermercato è l’insegna “controcorrente” della Gdo

            Cosa è cambiato ad oggi?

            Abbiamo guardato abbastanza.

             

            Cosa vi ha spinti ad avviare una partnership con Amazon Prime Now?

            Tre convinzioni, fondamentalmente. La prima è che il mondo cambia anche senza di noi. La seconda è che il cambiamento lo si conosce meglio standoci dentro, piuttosto che fuori. La terza? Se non lo avessimo fatto noi, ci avrebbe pensato qualcun altro.

             

            Il direttore EU di Prime Now ci ha detto che “per fare e-commerce, non è che ci si possa improvvisare”: è d’accordo?

            Mi pare proprio che le nostre azioni dicano di sì, che siamo d’accordo… E infatti ci siamo alleati con uno specialista.

             

            Amazon sostituisce eventuali progetti di U2 sull’e-commerce, o vi strutturerete anche autonomamente? Ad esempio, con servizi come il clic&collect?

            Non abbiamo ancora maturato un pensiero preciso a proposito. E il click & collect è cosa diversa dall’home delivery.

             

            Dal punto di vista dei prezzi, cambierà qualcosa? La vostra politica dell’ Every day low price resta valida anche on line?

            Secondo noi la politica EDLP è l’ideale per l’e-commerce.

             

            Che posizione occupa l’ortofrutta sui novi scaffali virtuali?

            Tendenzialmente una posizione sempre più centrale e importante

             

            Come sta procedendo il progetto Avancasse? Anche frutta e verdura trovano spazio in questo format?

            Il progetto procede benissimo, e già qualche referenza di frutta ha trovato spazio in questo contesto. Molto dipenderà anche da come evolverà l’offerta da parte dei fornitori.

             

            Ovvero?

            Fantasia e innovazione cercasi appassionatamente!

             

             

            Copyright: Fruitbook Magazine