L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Fruit Innovation: il 65% degli espositori ha già confermato per l’edizione 2016

            Fruit Innovation SP hp
            Il 65 per cento delle aziende che hanno avuto uno stand a Fruit Innovation 2015 hanno già confermato la loro presenza alla prossima edizione, che si terrà dal 4 al 6 maggio 2016 negli padiglioni 1 e 3 di Fiera Milano. Il commento di FruitImprese sulla prima edizione: “I nostri associati escono da Fruit Innovation convinti che una fiera internazionale dell’ortofrutta in Italia si possa fare solo a Milano”

             

            Fruit Innovation  ingressoÈ questo il dato che emerge, al termine del 30 giugno, dalla “campagna rebooking” lanciata dagli organizzatori Ipack-Ima Spa e Fiera Milano. Tra gli espositori che hanno già confermato, le sigle più rappresentative del settore e i leader di mercato. “È un dato incoraggiante che fa ben sperare in un’edizione 2016 di successo, e conferma  i consensi raccolti durante lo svolgimento della prima edizione della fiera”, affermano gli organizzatori. Un sondaggio compiuto tra gli espositori di Fruit Innovation 2015 permette di trarre diverse considerazioni. Quella più evidente è che la location e l’organizzazione sono promosse a pieni voti. La seconda considerazione è che la soddisfazione delle collettive dei produttori organizzati (Unaproa e Italia Ortofrutta) è molto alta, così come quella delle collettive dei Mercati (Fedagro-Mercati Associati e Italmercati).

             

            [Potrebbe interessarti anche: Fiera Milano acquisisce Ipack-Ima per 2,5 milioni di euro]

             

            Il giudizio di FruitImprese (l’associazione è un termometro sul grado di soddisfazione dei big del settore) è sintetizzato da questa frase raccolta dal sondaggista: “I nostri associati escono da Fruit Innovation convinti che una fiera internazionale dell’ortofrutta in Italia si possa fare solo a Milano”. Le valutazioni confermano poi quanto sia cruciale la presenza della GDO italiana grazie all’apporto di ADM: tale presenza ha soddisfatto soprattutto i rappresentanti della IV gamma ovvero dei prodotti confezionati e pronti al consumo, i quali in fiera hanno fatto buoni affari; ma ha soddisfatto anche le aziende aderenti a FruitImprese e players internazionali come Zespri. Positivo anche l’andamento dei B2B, anche se gli organizzatori hanno chiaro davanti a loro l’obiettivo di incrementare i visitatori professionali internazionali attraverso azioni mirate allo studio.

             

            [Potrebbe interessarti anche: Fruit Innovation, pochi esteri, tanta Gdo, buona la prima. E ora?]

             

            La macchina organizzativa di Fruit innovation 2016 è in pieno movimento. E per la sua messa a punto sarà importante la riunione della ‘cabina di regia’ fissata per il 15 luglio prossimo a Bologna, nel corso della quale verrà presentato e approvato il programma di lancio dell’edizione 2016.