Gotham Greens

Gotham Greens, dalle lampadine alle insalate. Nuova serra a Rhode Island


Gotham Greens – il pioniere mondiale nel campo dell’agricoltura urbana che a Brooklyn ha fatto delle insalate coltivate in serra “rooftop” il suo marchio di fabbrica – annuncia la costruzione di una nuova serra da oltre 10mila mq a Providence, Rhode Island. Lo stabilimento – che sarà operativo all’inizio del prossimo autunno – sorge sulle rovine di una fabbrica di lampadine, dismessa da decenni. Grazie alle serre ad alto tasso di innovazione si potranno coltivare 12 mesi all’anno insalate ed altri ortaggi a foglia per una produzione annuale stimata di 10 milioni di insalate

 

di Massimiliano Lollis

 

Gotham Greens

Il rendering della nuova serra di Gotham Greens che sorgerà a Providence, Rhode Island

Dalle lampadine alle insalate. Gotham Greens – innovativa azienda produttrice di insalate e ortaggi in serra di New York – ha appena annunciato la costruzione di una nuova serra da oltre 10mila metri quadri, che sorgerà al 555 di Harris Avenue a Providence, Rhode Island, sulle rovine di un vecchio stabilimento della General Electrics, dove per anni si sono prodotti componenti per lampadine.

 

Il terreno dove sorgeva la fabbrica – abbandonata da almeno 20 anni – è stato rilevato dalla Gotham Greens, che promette che la serra ad alto tasso di innovazione sarà pronta per l’inizio del prossimo autunno, portando alla creazione di 60 posti di lavoro indeterminato e un centinaio di altri posti di lavoro nel periodo di completamento della struttura. 

 

La serra sarà attiva 12 mesi su 12 e potrà rifornire i residenti della zona, ma anche ristoranti e clienti nel segmento foodservice della zona di Providence e, più in generale, per tutto il New England. Si prevede una produzione di 10 milioni di lattuga e verdura a foglie verdi all’anno, con un impatto ambientale ridotto al minimo.

 

Il progetto – dal valore stimato di 12,5 milioni di dollari – verrà realizzato anche grazie al contributo di diversi stakeholder privati e pubblici ed ha una spiccata “anima solidale”. Gotham Greens ha infatti annunciato la sua intenzione di contribuire al benessere della comunità locale destinando una parte della sua nuova proprietà al comune, oltre a creare un percorso pubblico ciclabile lungo il vicino fiume Woonasquatucket. Non solo: l’azienda si è anche impegnata a collaborare attivamente con diverse organizzazioni nel campo dell’educazione alimentare e del benessere, nella ricerca agri-tech e nell’educazione ambientale per progetti destinati alle comunità dell’area.

 

Gotham Greens

Alcune confezioni dei prodotti coltivati e commercializzati da Gotham Greens

Lo stabilimento vedrà l’impiego della tecnologia più avanzata nel campo dell’indoor farming: dai sistemi idroponici che permettono di ridurre al minimo lo spreco idrico, all’impiego di sistemi intelligenti per il controllo climatico, basati sull’analisi di big data, oltre all’impiego di pannelli solari ed illuminazione a led. Si prevede che la struttura permetterà di produrre circa 30 volte il raccolto di un acro di terreno coltivato in modo convenzionale, risparmiando il 90% di acqua. 

 

Gotham Greens – fondata nel 2009 – ha iniziato a far parlare di sé nel 2011 con la sua prima serra su scala commerciale, installata sul tetto del Greenpoint Wood Exchange a Brooklyn, una struttura che per anni ha ospitato affollate piste da bowling. La serra – che misura poco meno di 1.400 mq – produce ogni anno oltre 45 tonnellate di insalata e verdure a foglia verde, il tutto all’insegna della sostenibilità. Lo stabilimento “rooftop” è infatti alimentato da pannelli fotovoltaici ad alta efficienza che alimentano l’illuminazione a led necessaria per la coltivazione “indoor”, oltre ai sistemi di ventilazione. Alla prima serra è seguita quella di Gowanus (Brooklyn) sul tetto di un Whole Foods Market, poi quella di Hollis nel Queens e Pullman (Chicago). In pochi anni Gotham Greens si è affermata come una delle aziende più interessanti nel panorama della produzione di insalate “urbane” made in Usa.

 

Copyright: Fruitbook Magazine