L'INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER IL TRADE ORTOFRUTTICOLO

            Natura Iblea vende online 450 mila euro di ortofrutticoli bio. Anche Brutti ma Buoni

            Nato dall’esperienza della storica azienda siciliana, il portale di e-commerce Paniere Bio ha registrato un successo oltre le aspettative nel suo primo anno di attività. Online ogni settimana si può scegliere fra una trentina di referenze, da frutta e ortaggi freschi al prodotto liquido e secco, per un listino digitale che comprende complessivamente circa 150 prodotti. Tutto viene prodotto a regime biologico da Natura Iblea, fatta eccezione per sei referenze di superfood e frutta esotica acquistate da fornitori esterni. La consegna avviene entro 24 ore dall’ordine in tutta la Sicilia, mentre nel resto d’Italia il corriere arriva a domicilio entro due giornate lavorative. Grande successo sta riscuotendo la nuova linea dedicata ai prodotti ortofrutticoli fuori calibro o difettati

             

            di Carlotta Benini

             

            Si chiama Paniere Bio ed è un portale di e-commerce dove ogni settimana vengono commercializzati frutta e ortaggi freschi e tipici, prodotti a regime biologico nelle campagne soleggiate della Sicilia. A neanche un anno dal suo debutto online ha visto un giro di affari di 450 mila euro, laddove il fatturato annuo dell’azienda si aggira intorno ai 2 milioni di euro. Stiamo parlando di Natura Iblea, azienda di Ispica, in provincia di Ragusa, nota anche all’estero per i suoi ortaggi biologici di qualità.

             

            La storica azienda condotta dalla famiglia Giadone è il primo produttore europeo di carote biologiche, ma esporta anche zucchine, meloni, pomodori, peperoni, limoni, arance, fagiolini e altri ortaggi. Tutto rigorosamente bio.

             

            Andrea Giadone, presidente di Paniere Bio

            Dalla volontà di valorizzare il territorio e le sue eccellenze ortofrutticole in tutta la regione e anche nel resto d’Italia, offrendo al consumatore un prodotto fresco e tipico, a filiera corta, con modalità di consegna vicine ai nuovi stili di vita, nasce a settembre scorso Paniere Bio, la vetrina online di natura Iblea con un assortimento di cica 150 referenze e un listino a rotazione settimanale che propone una trenina di prodotti fra frutta e ortaggi freschi, prodotti secchi (pomodori, erbe aromatiche, legumi, cereali, farina, pasta) e liquidi (salse, passate, succhi di frutta ecc..).
            “Consegniamo a domicilio in tutta la Sicilia, senza spese aggiuntive per ordini superiori a 13 euro. – spiega Andrea Giadone, presidente di paniere Bio e figlio di Roberto Giadone, patron di Natura Iblea – Il prodotto viene raccolto la mattina e consegnato da un nostro operatore entro 24 ore, in regione. Nel resto d’Italia le spedizioni vengono effettuate con nostri corrieri a un costo variabile, che si può consultare sul sito. La consegna avviene in due giorni lavorativi”. Il pagamento può essere effettuato online con carta di credito, oppure si può saldare l’importo al momento della consegna.

             

            A meno di un anno dalla sua nascita, paniere Bio ha già uno zoccolo duro di utenti affezionati. “Serviamo regolarmente 300 famiglie siciliane e altre 100 nel resto d’Italia. Poi ci sono gli ordini sporadici”.

             

            Alcune referenze della nuova linea Brutti ma Buoni di Paniere Bio

            L’assortimento è composto quasi esclusivamente da prodotti biologici di Natura Iblea, fatta eccezione per alcune referenze esotiche e superfoods. “Su 31 prodotti presenti nel listino settimanale attuale, 25 sono prodotti in azienda – ci spiega Giadone – Poi abbiamo zenzero, curcuma, banane, avocado, mango e ananas che arrivano da fornitori esterni”.

             

            “Ma ci stiamo attrezzando per produrre tutto internamente. – continua – Abbiamo infatti messo a dimora alcune piante di avocado”.

             

            In attesa della frutta esotica made in Sicily, Natura Iblea ha inserito su Paniere Bio una nuova linea di prodotti che, a pochi mesi dal lancio, sta già riscuotendo grande interesse, specie nella fascia dei consumatori più consapevoli e attenti alla sostenibilità. Si tratta del paniere Brutti ma Buoni, frutta e ortaggi difettati o fuori calibro, ma non meno saporiti e di qualità, che vengono venduti online a un prezzo in alcuni casi più che dimezzato rispetto al prodotto convenzionale.

             

            A meno di un anno dalla sua nascita Paniere Bio ha venduto 450 mila euro di prodotti

            “Attualmente sul sito sono in vendita le Carote Novelle Igp di Ispica e le zucchine Brutte ma buone, e il melone Cantalupo Piccolo ma buono, che non ha alcun difetto se non la dimensione”, conclude Andrea Giadone.

             

            Paniere Bio non è solo una piattaforma di e-commerce, è anche un gruppo di persone impegnate a promuovere valori come la sostenibilità, la filiera corta e il lavoro etico. L’azienda stessa ha fatto della legalità la sua mission, tanto da essere premiata all’ultima edizione del Welfare Index PMI 2017 (leggi qui), il premio assegnato ogni anno da Generali Italia, con la partecipazione, fra gli altri, di Confagricoltura, alle piccole e medie imprese italiane con il migliore livello di benessere dei dipendenti.

             

            Copyright: Fruitbook Magazine