Carrefour-Google-quad

Carrefour e Google per l’e-commerce: si apre il fronte europeo contro Amazon


Firmata la collaborazione strategica tra Carrefour e Google per potenziare l’e-commerce attraverso lo svilupppo di nuove tecnologie. Si apre così in Europa un argine rilevante nei confronti delle strategie di Amazon. Tra le iniziative previste c’è un laboratorio per l’innovazione a Parigi, che a partire da questa estate vedrà gli esperti di Google lavorare assieme agli ingegneri di Carrefour per sviluppare nuove soluzioni rivolte al consumatore, anche grazie all’intelligenza artificiale. “Questo accordo – spiega Alexandre Bompard, Ceo di Carrefour – fa di Carrefour il primo partner di Google per l’e-commerce alimentare in Europa e permette di accelerare la nostra evoluzione digitale in ottica omnicanale, che è ciò che vogliamo offrire ai nostri clienti”

 

di Massimiliano Lollis

 

Carrefour-Google

Carrefour firma una partnership strategica con Google

Carrefour e Google hanno annunciato un’importante partnership strategica per l’innovazione nel campo dei modelli distributivi e dell’esperienza di acquisto dei consumatori francesi. L’accordo – reso noto lo scorso 11 giugno – si sviluppa su tre iniziative.

 

La prima riguarda la messa a punto di una nuova esperienza di acquisto da Carrefour attraverso le soluzioni tecnologiche di Google, come Google Assistant su smartphone, le casse Google Home e la piattaforma web Google Shopping, con la quale sarà possibile ordinare la spesa e farsela recapitare o ritirarla nel punto vendita. Tutto ciò dovrebbe garantire a Carrefour una maggiore presenza “digitale” e un’esperienza nuova per il consumatore francese già a partire dall’inizio del 2019.

 

La seconda iniziativa riguarda l’apertura di un laboratorio per l’innovazione, che verrà inaugurato a Parigi nel corso dell’estate in collaborazione con Google Cloud, dove gli esperti di Google e gli ingegneri di Carrefour lavoreranno fianco a fianco per sviluppare soluzioni innovative rivolte al consumatore, anche attraverso l’adozione di tecnologie di intelligenza artificiale. Il terzo punto, infine, riguarda un programma di training interno al gruppo Carrefour per accelerare la trasformazione digitale. Questa iniziativa è in corso già dall’inizio del 2018 ed è mirata alla formazione di oltre un migliaio di dipendenti Carrefour nell’arco di sei mesi grazie al supporto di Google Cloud. Allo stesso tempo, i principali strumenti digitali di Google – dalla stessa piattaforma Google Cloud a G Suite – verranno distribuiti a oltre 160 mila dipendenti del gruppo.

 

Carrefour-Google

Alexandre Bompard, presidente e amministratore delegato di Carrefour Groupe

Non è certo la prima volta che Google stringe una collaborazione di questo tipo con un colosso della Gdo. Solo la scorsa estate scrivevamo qui dell’alleanza di Google con Walmart per il potenziamento dell’e-commerce in funzione anti-Amazon (leggi qui), mentre alcuni mesi dopo la stessa Amazon firmava in Francia l’accordo con Monoprix (parte del gruppo Casino) per la vendita di migliaia di referenze su Prime Now (leggi qui).

 

L’accordo tra Carrefour e Google va chiaramente nella direzione di una strategia difensiva nei confronti del colosso di Jeff Bezos e ora apre un fronte in Europa alle sue ambizioni. È infatti la prima volta che Google firma un accordo con un gigante della Gdo nel vecchio continente: “Questo accordo – spiega in un comunicato Alexandre Bompard, Ceo di Carrefour – fa di Carrefour il primo partner di Google per l’e-commerce alimentare in Europa e ci permette di accelerare la nostra evoluzione digitale in ottica omnicanale, che è ciò che vogliamo offrire ai nostri clienti”.

 

“Oggi – dichiara Sébastien Missoffe, vice presidente e managing director di Google France – i consumatori richiedono esperienze di acquisto semplici e personalizzate che li aiutino a prendere decisioni riguardo quali prodotti comprare, che li supportino nel fare la spesa facilmente su diversi supporti come smartphone o tablet e con modalità di pagamento facilitate. Con Carrefour intendiamo esplorare nuovi modelli distributivi e tecnologie di e-commerce per offrire al consumatore tutto questo grazie alla piattaforma Google Cloud e agli strumenti G Suite“.

 

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo