lavoro gdo

Gdo Usa, le strategie dei supermercati per “stare al passo” con i consumatori


Nella Gdo statunitense i prodotti healthy sono sempre più presenti tra gli scaffali dei supemercati e nel carrello dei consumatori, mentre i gusti di chi compra cambiano rapidamente e in modo talvolta imprevedibile. Non è quindi un momento facile per i supermercati che, però – anche da questa parte dell’oceano – stanno reagendo seguendo tre principali tendenze. A dirlo è il Wall Street Journal, che nel corso di un breve servizio evidenzia questi elementi di successo. A partire dalle soluzioni che uniscono ristorazione a distribuzione – tendenza nota in Usa come Deli Meal Combo -, ma anche la crescita di surgelati premium (anche di verdure) e della private label, sempre più apprezzata

 

di Massimiliano Lollis

 

Gdo

Un frame del servizio del Wall Street Journal con il reporter Ken Brown

“I supermercati stano affrontando un momento non facile mentre nuove idee riguardo cosa è healthy cambiano rapidamente il modo in cui i consumatori fanno la spesa”. A dirlo è il reporter del Wall Street Journal Ken Brown, che nel corso di un breve servizio recentemente pubblicato – dal titolo How Supermarkets Are Surviving Changing Tastes – analizza le maggiori strategie della Gdo per far fronte a questa situazione in continua evoluzione.

 

Il quadro che ne viene fuori – che descrivendo il mercato Usa mette in evidenza tendenze decisamente riscontrabili anche nel nostro – vede in atto tre principali tendenze: la prima riguarda il cosiddetto “Grocerant”, ovvero la crescente presenza, nei supermercati, di un banco gastronomia dedicato alla preparazione istantanea di piatti semplici – come sandwich o panini – accompagnato da un’area con sedie e tavoli a disposizione dei clienti, che possono quindi consumare in loco il loro spuntino o pranzo. Si tratta del cosiddetto Deli Meal Combo, che unendo la ristorazione al supermercato mira ad offrire ai clienti – siano essi lavoratori, turisti o studenti –  un servizio ad alto valore aggiunto ad un prezzo decisamente più basso rispetto ai ristoranti. “I supermercati – sottolinea Brown – si comportano sempre più come ristoranti. Come dimostrano i dati statistici (Nielsen, ndr), solo nel corso dell’ultimo anno il Deli Meal Combo è cresciuto del 10%”.

 

La stessa tendenza ci era stata raccontata – alla scorsa edizione di Supermarket2025 di Retail Institute Italy – dall’esperto di marketing Frédériç Pérodeau che, per descrivere questo tipo di soluzioni all’interno dei punti vendita Carrefour City, utilizzò in quell’occasione il neologismo francese “distriration”, fusione tra distribuzione e ristorazione (leggi qui). Realtà innovative in questo senso non mancano però nemmeno nel nostro Paese, come dimostra la Ristobottega Stammibene di Megamark, che – nata poco meno di 10 mesi fa nel centro di Bari – è già molto apprezzata grazie al suo mix di freschezza e qualità (leggi qui).

 

Passiamo poi al secondo trend individuato dal Wall Street Journal: si tratta dei surgelati premium, anche di verdure. “I consumatori – spiega Ken Brown – apprezzano le verdure surgelate, anche perché durano più a lungo della verdura fresca. Allo stesso modo, i trend vincenti nel reparto ortofrutta sono gli stessi anche nel banco frigo. È il caso del cavolfiore, che i clienti comprano sia come prodotto fresco che surgelato. Ma non solo verdure: anche veggie burgers e cibo healthy surgelato stanno vendendo molto bene”.

 

Gdo

I dati Nielsen dimostrano la crescita delle private label in Usa negli ultimi anni (Frame dal video del Wall Street Journal)

Il terzo fattore, infine, è il crescente successo della private label, o store brand, in rapida ascesa negli ultimi cinque anni. “Molti – spiega Brown – considerano questi brand come varianti meno costose e di serie b rispetto ai grandi marchi di livello nazionale, ma una nuova ondata di private label premium da parte di catene come Whole Foods Market e Aldi stanno invece diventando sempre più apprezzate e competitive nei confronti dei brand più celebri”.

 

“Stare al passo con i gusti dei consumatori – conclude Ken Brown – non è nulla di nuovo per i supermercati. Ma con internet che accelera questi cambiamenti, i supermercati devono trovare nuovi modi per stare al passo con te, e con ciò che ti piace mangiare”.

 

 

Copyright: Fruitbook Magazine

 





Non ci sono commenti

Aggiungi il tuo